Migranti, Blattmann pronto a blindare il confine svizzero

Eleonora Gitto

Il capo delle forze armate svizzere André Blattmann si dice pronto a blindare il confine elvetico se dovesse aumentare a dismisura il numero dei migranti richiedenti asilo.

Blattmann il 21 settembre si è recato nel Cantone svizzero Ticino. Il cantone in questione, come noto si trova proprio al confine con l’Italia.

Ed è proprio a Ticino che il capo delle forze armate elvetiche ha annunciato che se i richiedenti asilo dovessero diventare troppi, la Svizzera è pronta a inviare 800 soldati a pattugliare il confine. Ovviamente insieme ai soldati andrebbero anche le guardie di confine e polizia.
Blattmann nello specifico ha detto che “L’esercito è pronto a fare la sua parte nella questione profughi, se necessario, con l’invio di 800 uomini”.

Poi il comandante ha spiegato: “L’esercito non decide da solo di intervenire ma è offerto in appoggio alle autorità e alle istituzioni civili. E’ un compito che ci ha dato il Consiglio federale per aiutare alle frontiere le guardie di confine e le polizie dei Cantoni. Saranno le autorità civili a comandare, andremo dove c’è bisogno”.

A dimostrazione che quanto detto da Blattmann non sono minacce ma intenzioni concrete, l’esercito svizzero per prepararsi a far fronte a un’eventuale “emergenza migranti”, ha già programmato per fine settimana un’esercitazione a Basilea, al confine con Francia e Germania.

Next Post

Deezer, dal web allo sbarco in Borsa

Deezer, il servizio musicale francese che offre musica in streaming, ha deciso di fare il passo definitivo, si perchè la piattaforma sarà infatti quotata in Borsa, una decisione ponderata ma chiara, vista la costante crescita del servizio. Entro fine anno, dunque, Deezer il servizio offerto dalla società Blogmusik SAS che offre […]
Deezer, la musica in streaming sbarca in Borsa