Addio a Sonny Landham, attore in Predator e Sorvegliato speciale

Un’altra perdita per il mondo del cinema internazionale, dopo un anno terribile in cui abbiamo dovuto dire addio a numerosi dei suoi protagonisti più celebri ed amati.

Nelle scorse ore si è spento Sonny Landham, morto a 76 anni nell’ospedale di Lexington, in Kentucky, in seguito ad un’insufficienza cardiaca. La notizia è stata confermata dalla sorella Dawn Boehler.

Nato a Canton nel 1941, aveva iniziato la sua carriera come attore porno per poi recitare nel 1979 in I guerrieri della notte di Walter Hill.

Prima di dedicarsi alla carriera attoriale Sonny Landham è stato per tre anni nell’esercito americano.

Negli anni seguenti è diventato noto per i suoi ruoli in film d’azione negli anni ’80: è comparso infatti in pellicole come I guerrieri della palude silenziosa, Poltergeist – Demoniache presenze, 48 ore, Predator e Sorvegliato speciale con Sylvester Stallone.

Nella prima metà degli anni novanta lavora invece sempre più sporadicamente nelle pellicole d’azione, riuscendo tuttavia a ritagliarsi qualche ruolo grazie alla sua presenza fisica.

Durante la sua vita non si è fatto mancare la carriera politica, intrapresa nel 2003 ma mai portata a termine. Si era comunque proposto come candidato alla carica di governatore del Kentucky nel 2002 e per il Senato degli Stati Uniti per il Partito Libertario nel 2008.

Era noto per la sua predisposizione alla rissa, tanto che fu affiancato da una guardia del corpo durante le riprese di Predator.

Anche la sua vita privata è stata abbastanza movimentata ed ha avuto ben tre mogli.

La prima vola si sposò con Marlene Willoughby, dal secondo matrimonio con Belita Adams nacque il suo primo figlio, mentre la sua terza e ultima moglie, con la quale è rimasto fino alla morte, gli ha donato il secondogenito.

Next Post

Vittorio Sgarbi e il messaggio intollerante sull’attentato di Barcellona

In queste ore il mondo intero piange le vittime dell’attentato di Barcellona avvenuto solo due giorni fa: nel momento in cui scriviamo le vittime accertate sono 13, 3 italiane, ma il bilancio sembra destinato ad aggravarsi, con oltre un centinaio di feriti gravi. In questa circostanza c’è chi ha scelto […]