Alcol: irlandesi bevono meno ma sono ancora i peggiori in Europa
Alcol irlandesi bevono meno ma sono ancora i peggiori in Europa

I ragazzi irlandesi bevono meno ma sono ancora tra i peggiori in Europa

Il consumo di alcol in Irlanda è diminuito drasticamente negli ultimi anni, secondo un nuovo studio europeo, ma i giovani adolescenti in Irlanda e nel Regno Unito sono ancora tra i peggiori in Europa per ubriachezza, lo ha rilevato lo studio dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

La “bevuta settimanale” tra le ragazze di 15 anni è scesa dal 34% all’8%, così com’è scesa la percentuale dal 42 all’11% per i ragazzi, tuttavia, una percentuale maggiore di ragazze irlandesi e del Regno Unito si sono ubriacate almeno due volte nella loro vita rispetto a qualsiasi altra nazione europea. I ragazzi irlandesi sono dietro solo rispetto agli adolescenti nell’Europa centro-orientale per l’ubriachezza.

Lo studio ha esaminato le tendenze tra il 2002 e il 2014 e ha riscontrato un calo del consumo di alcol tra i giovani adolescenti in quasi tutte le regioni europee, ma ha rilevato che il consumo di alcol in tutto il continente è rimasto a livelli pericolosamente alti.

Il dott. Jo Inchley della School of Medicine dell’università di St Andrews in Scozia, che ha guidato la ricerca, ha dichiarato: “Le riduzioni complessive del consumo di alcol sono state maggiori nei paesi dove tradizionalmente c’è una maggiore prevalenza, questo mostra che il cambiamento è possibile.

Tuttavia, è necessario fare di più per garantire che gli adolescenti siano effettivamente protetti dai danni causati dall’alcol“.

Il rapporto ha rilevato la convergenza nelle abitudini di consumo di ragazzi e ragazze minorenni in Irlanda e nel Regno Unito, uno dei motivi del calo del consumo di alcol è stato collegato al cambiamento culturale tra gli adolescenti che ora trascorrono più tempo online.

Il rapporto afferma che i governi devono intensificare gli sforzi per rendere più difficile per i giovani adolescenti l’accesso all’alcol.

La dott.ssa Zsuzsanna Jakab, direttore regionale per l’Europa dell’OMS, ha dichiarato:

I giovani sono bevitori regolari in un’età in cui non dovrebbero assolutamente berePoiché sappiamo che il consumo di alcol in questa fase critica dello sviluppo è particolarmente dannoso, i nostri politici hanno la responsabilità di implementare le misure che sappiamo essere efficaci, come limitare l’accesso, applicare controlli di età e limitare qualsiasi tipo di vendita di alcolici, incluso anche il marketing digitale.

Eleonora Gitto

Giornalista professionista, content writer freelance, presidente presso Comunicazioni e Territori Scarl, consulente Consiglio Regionale Campania, vanta numerose collaborazioni presso testate giornalistiche, si occupa del settore sanitario e politico italiano.

Potrebbero interessarti

Cannabis terapeutica, sul prezzo è rivolta: Lorenzin convoca i farmacisti

La Cannabis terapeutica, in Italia legalizzata dal 2013, per i farmacisti costa…

Ufo seguono da vicino il neo presidente Donald Trump

Alcuni Ufo seguono da vicino il neo presidente Donald Trump. Non è…

Sclerosi Tuberosa, Giovanni Caccamo protagonista di uno spot per raccogliere fondi

La maggior parte di noi non ha mai sentito nominare questa patologia,…

Siria: la disperazione del ragazzo kamikaze in un video

Non si ferma l’orrore in Siria, questa volta militanti che sostengono Al…