Alessandro Siani porta a teatro il suo Principe Abusivo

Il comico napoletano non sbaglia un colpo, e se le sue pellicole al cinema sono ogni volta un successo di pubblico e quindi di incassi, non poteva che replicarsi il medesimo successo quando una delle sue pellicole più celebri e apprezzate sbarca a teatro.

Alessandro Siani dopo aver sbancato al cinema con il ‘Il Principe Abusivo’, in coppia con Christian De Sica, trasforma in commedia il suo film campione d’incassi, con un guadagno di oltre 14 milioni di euro: al momento sono già  trentamila i biglietti venduti in prevendita, con grandi numeri e un’attesa da concerto rock.

L’attore riparte dal luogo dove fu girata l’ultima scena del film, Borgo Marinari, e stupirà a teatro con uno spettacolo con scenografie tridimensionali, una grafica “materica” come la definisce lo stesso Siani, nuovi protagonisti e dialoghi rinnovati.

“Con questa versione teatrale – dichiara Siani – spero di riuscire a dare un po’ di allegria e spensieratezza allo stesso pubblico che ha tanto amato la versione cinematografica”. L’attore, uno dei pochi artisti a non aver lasciato Napoli anche dopo l’esplosione della sua carriera, porterà il suo “Principe abusivo” all’Augusteo dall’11 dicembre al 6 gennaio.

L’attore conferma il patto con la città e l’amore viscerale che lo tiene legato al territorio: “Non me ne sono andato da Napoli, non perché abbia trovato traffico – sorride – ma perché c’è tutto. Non mi spiego perché la gente vada via per produrre film. Qui tutto è possibile. Se proprio devi fare un’ospitata, prendi il treno per Roma e Milano e poi torni. Le radici sono come un boomerang, puoi fare un giro lungo ma torni da dove sei partito”.

Next Post

Morandi pubblica una foto col cartonato di Magalli

Nonostante la sua carriera decennale, che nessuno mette in dubbio, bisogna dire che negli ultimi mesi Gianni Morandi è sulla bocca di tutti più per la sua costante presenza sui social network che per i suoi concerti. Dopo la diatriba degli scorsi giorni, poi chiarita, con Selvaggia Lucarelli, che aveva […]