Alice Sabatini, nel tunnel delle diete sbagliate per colpa del body shaming

Milioni di donne e uomini, in tutto il mondo, si affidano a diete e regimi alimentari restrittivi, senza sovente neppure consultare un esperto del settore, per cercare di perdere peso e assomigliare al proprio modello di riferimento, con il solo risultato di far del male al proprio corpo e al proprio equilibrio psico fisico.

Anche una donna bellissima, riconosciuta all’unanimità come “la più bella d’Italia”, è caduta in questo vortice, ed ora che ne è uscita, vuole raccontarlo, proprio per spingere tutti a far attenzione alle scelte che si fanno, quando in ballo c’è la propria salute.

Alice Sabatini, dopo aver vinto Miss Italia nel 2015,  ha iniziato a vivere un momento piuttosto brutto.

La modella ha confessato che all’indomani del concorso di bellezza più importante in Italia non stava più bene col suo corpo. “Ho avuto uno sbalzo ormonale che mi ha trasformata – ha rivelato la Sabatini – e poi sono entrata nel tunnel delle diete sbagliate: sono finita anche in ospedale, ho rischiato un’operazione per un blocco intestinale. Ma adesso, per fortuna, è tutto risolto. Ho anche ripreso a fare palestra e a giocare a basket”.

Alice è stata colpita da quello che ormai è definito come body shaming, l’essere cioè additata e bullizzata per avere un corpo che non corrisponde ai canoni che la moda impone come giusti o desiderabili.

“La scorsa estate ero in crisi – ha raccontato ancora Alice Sabatini – mi vedevo molto cambiata e non riuscivo a mettermi in costume. La gente poi è sempre pronta a puntare il dito. Anche sui social. Per fortuna Gabriele mi ha aiutato tanto. È anche grazie a lui, se non sono entrata in crisi”.

Gabriele è il suo fidanzato, cestista: i due, raccontano le cronache, hanno deciso di prendere casa insieme a Roma.

Oggi per fortuna il peggio è già alle spalle, e la Sabatini è tornata più in forma che mai e ha perso gli 11 chili presi dopo la sua vittoria alla kermesse del 2015.

 

Next Post

Linfoma, vitamina C invece della chemio: radiato il medico di Padova

Radiato il medico di Padova che curava con sistemi alternativi il linfoma: vitamina C e integratori al posto della chemioterapia. Il medico, Paolo Rossaro, era stato condannato con sentenza definitiva della Corte di Cassazione per omicidio colposo, per non aver curato con la chemioterapia un suo assistito morto nel 2007. […]
Linfoma curato con vitamina C: radiato il medico di Padova che usava sistemi alternativi