Allergica al wi-fi, l’incredibile storia di Rachel Hinks

L’incredibile storia della donna costretta a rinunciare a casa e lavoro per vivere in un capanno in quanto allergica al WiFi.

Rachel Hinks soffre di ipersensibilità elettromagnetica dei campi elettromagnetici nocivi dai segnali WiFi.

La donna, terapeuta, si è vista costretta a rinunciare al lavoro e a vivere in un capanno dopo aver sviluppato incredibili effetti collaterali tra i quali, bruciore, eruzioni cutanee e mal di testa perché allergica al WiFi.

Rachel Hinks soffre di ipersensibilità elettromagnetica, fanno parte ovviamente i segnali elettromagnetici nocivi del WiFi rilasciati dagli hub di Internet e dalle antenne telefoniche nelle vicinanze.

Per sfuggire ai segnali, la 43enne, che soffre anche del lupus, è stata costretta a trasferirsi in una baracca in fondo al giardino di un amico, lontano da ogni segnale “nocivo“.

Ogni giorno torna a casa in modo da poter dar da mangiare al gatto e portarlo fuori per farle un po’ di compagnia, esponendosi ai segnali nelle zone meno pericolose.

Rachel ha detto: “All’inizio ho avuto sintomi lievi, ho notato che quando passavo a un cordless il mio orecchio bruciava dopo circa dieci minuti, e quando ho provato a usare il mio portatile usando il WiFi ero affaticata e avevo problemi a respirare, quindi ho ricominciato a usare un connessione cablata“.

L’ipersensibilità elettromagnetica non è attualmente una diagnosi riconosciuta e l’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che non esiste “alcuna base scientifica” per collegare i sintomi di Rachel alle emissioni dei campi elettromagnetici.

Ha iniziato a sentirsi poco bene a dicembre 2015 quando è passata a un telefono cordless, che le ha fatto bruciare l’orecchio dopo dieci minuti e da allora ha sperimentato violente scosse, forti dolori alla testa e disorientamento.

Quando socializza chiede persino agli amici di spegnere i loro telefoni cellulari nel caso in cui i segnali la facciano soffrire di disorientamento.

E se fossi uno dei primi a soffrire di questi sintomi a causa del mio debole sistema immunitario, ma in un paio di centinaia di anni chissà quanta tecnologia più avanzata sarà  disponibile e quante più persone soffriranno a causa di essa?” chiede la donna.

Poi a dicembre 2015 sono diventata improvvisamente molto malata, violente scosse, forti dolori alla testa, disorientamento, non riuscivo a dormire più di qualche ora alla volta”.

Non avrei mai immaginato di essere in questa situazione e abbandonare la mia casa che ho affittato da 17 anni, buoni vicini, eppure ora sono diventato troppo malata per viverci“.

Ha aggiunto: “Ogni giorno ho bisogno di guidare in paese ed esporre me stessa alle onde, per sfamare il mio gatto e farle compagnia per qualche ora“.

Non ho ancora trovato nessuno che possa nutrirla e chiunque abbia un animale domestico amato può capire come si sentirà lasciando un animale da solo per la maggior parte del tempo“.

Se il peggio peggiora, potrei dover vivere in una roulotte.

Mentre sono prevalentemente colpita dalle radiazioni a microonde ora che sono così sensibile, non posso essere troppo vicina a sorgenti elettriche per molto tempo, quindi dovrei spegnere l’impianto elettrico in una roulotte e installare probabilmente una stufa a legna per il riscaldamento“.

Non ho i fondi per questo, non posseggo beni che posso vendere, e dato che ho l’artrite, e alcuni problemi fisici, vivere in una roulotte in un paese umido sarebbe molto impegnativo per la mia salute“.

Vorrei infrangere il tabù di una condizione di cui le persone hanno poca consapevolezza, in modo che chiunque ne soffra riceva comprensione e sostegno da chi le circonda, e che sia più facile ottenere una diagnosi“.

Potrebbero interessarti

Tumore alla prostata di tipo aggressivo: attenzione ai fattori di rischio

Attenzione ai fattori di rischio per il tumore alla prostata di tipo…

I benefici del cioccolato, chi lo mangia è più intelligente

Non solo un antidepressivo naturale, capace di aumentare la serotonina: il cioccolato,…

Nadia Toffa la sua vittoria contro il cancro

Lo ha rivelato proprio durante una puntata de “Le Iene”, la conduttrice…

Bologna, prima gravidanza con fecondazione eterologa da donatore italiano

Come in molti sapranno, dopo anni di accesi dibattiti, anche in Italia…