Expo di Milano ecco la carne di coccodrillo

Una nuova moda, non bastasse quello che si fa con i coccodrilli per assecondare le “manie” di noi umano con borse e portafogli, arriva anche la carne di coccodrillo, pare per il palati più “fini”, ma vediamo di cosa si tratta:

L’Expo di Milano, l’Esposizione universale che terrà banco nel capoluogo lombardo fino al prossimo 31 ottobre, attirando milioni di visitatori da ogni parte del mondo, è un’ottima occasione per conoscere le culture di paesi lontanissimi, con culture spesso diametralmente opposte alle nostre, e soprattutto con cucine lontane anni luce.

Migliaia le specialità offerte dagli stand gastronomici dei 130 paesi presenti: molti di questi hanno dovuto ottenere delle autorizzazioni speciali per poter essere cucinate e servite nel nostro paese, e tra queste anche la “prelibatezza” presentata nelle ultime ore.

A Expo Milano 2015, lo Zimbabwe, che è ospitato all’interno del Cluster dei tuberi e dei cereali, ha aperto il corner per la preparazione e la vendita dei ‘Crocoburger’: hamburger di coccodrillo serviti tra le due classiche fette di pane e corredate di melanzane, zucchine, peperoni e salsa di Baobab con peperoncino. La pietanza viene proposta in menù con patate arrosto e un succo di Baobab al costo di 15 euro.

Le carni arrivano direttamente dal Paese africano, da allevamenti controllati nelle vicinanze del lago Kariba, e vengono macellate al terzo anno d’età per far sì che rimangano tenere e gustose. Il colore è chiaro ed il sapore dolciastro, simile al pollo.

Potrebbero interessarti

nuTonomy self-driving car: da Singapore a Boston

nuTonomy, la startup di Singapore testa le sue self-driving car a Boston, negli…

Zuckerberg, una petizione contro il blocco di WhatsApp in Brasile

Mark Zuckerberg contro il blocco di WhatsApp in Brasile lancia una petizione…

Crioterapia, le star si congelano pur di dimagrire

La nuova frontiera della bellezza, per cercare di non cedere al tempo…

WhatsApp permetterà di inviare qualsiasi tipologia di file

Nei giorni scorsi vi abbiamo parlato di come, molto presto, l’applicazione di…