American Ultra, azione e spionaggio nel film di Nourizadeh

Eleonora Gitto

American Ultra diretto da Nima Nourizadeh è già nelle sale italiane dal 30 giugno 2016.

L’ultimo film Nima Nourizadeh negli Stati Uniti è uscito nel 2015. Non se n’è parlato molto perché “America Ultra” è stato accolto freddamente dalla critica.

Eppure gli ingredienti per tenere il pubblico con il fiato sospeso in quest’opera, ci sono tutti.

Si parla di una gioventù dedita alla droga che al momento giusto sa riscattarsi, c’è azione, spionaggio, e un po’ di introspezione.

Che cosa non ha funzionato? Forse l’eccessiva atmosfera ironica e surreale in cui Nourizadeh fa muovere i suoi personaggi. In quest’ambientazione il film perde di realismo e, perciò, raffredda l’adrenalina.

Peccato perché il cast è eccezionale e il lavoro fatto dagli attori protagonisti è davvero egregio.

La storia è quella di Mike (Jesse Eisenberg), un ragazzo dedito alla droga che vive con la fidanzata Phoebe (Kristen Stewart) in una piccola città americana.

Ameno questo è ciò che sembra, perché, Mike nasconde dentro di sé un provetto agente segreto che presto sarà chiamato ad affrontare una delicata missione governativa.

Nel cast troviamo Kristen Stewart, Jesse Eisenberg, Walton Goggins, Topher Grace, Connie Britton, John Leguizamo, Bill Pullman, Tony Hale, Michael Papajohn, Teri Wyble e Nash Edgerton.

La sceneggiatura è curata da Max Landis e la fotografia da Michael Bonvillain.

La Produzione è affidata a PalmStar Media, Bridge Finance Company, The, Circle of Confusion, mentre la distribuzione porta la firma congiunta di Leone Film Group e Key Films.

Next Post

Prince i medici sotto inchiesta per la morte del cantante

E’ stato sciorinato più volte l’argomento legato alla prematura scomparsa del cantante e compositore Prince. Prince Rogers Nelson, meglio conosciuto come Prince, scomparso il 21 aprile proprio del 2016 ritrovato in un ascensore del complesso Paisley Park, pare in seguito ad un’overdose di oppiacei per il quale l’artista era stato […]
Prince i medici sotto inchiesta per la morte del cantante