I giovani e il sesso, nasce il problema dell’anoressia sessuale
anoressia sessuale colpisce i giovani

Evidentemente c’è fin troppo sesso che gira in rete, sui social ed in qualsiasi contesto, tanto da creare problematiche persino ai giovani che addirittura sono attanagliati da una nuova problematica, quella che è stata definita “l’anoressia sessuale”, la visione attuale dei rapporti intimi ha cambiato radicalmente il modo di pensare nei giovani, le app di incontri e le molteplici possibilità delle quali oggi giorno si può usufruire, hanno influito nel rapporto con il proprio partner e con la propria sessualità.

Il gruppo di ricerca fluIDsex (Greta Riboli, Irene Gargano, Mattia Nese, Lorena Lo Bianco e Valentina Orlandi) negli scorsi mesi ha lanciato una survey per indagare le abitudini sessuali e affettive di un gruppo di giovani studenti, frequentanti università del nord Italia.

Per il 73,3% del gruppo di giovani l’attrazione sessuale è un requisito fondamentale per avviare una relazione ed il 70,4% di essi preferisce e non ha difficoltà ad avere un partner sessuale stabile piuttosto che imbattersi in relazioni sessuali con partner differenti.

È emerso poi che la maggior parte dei giovani, il 65,1%, ha difficoltà nel mantenere una relazione puramente sessuale, senza sfociare nel coinvolgimento affettivo: in pochi quindi riescono ad avere i cosiddetti “amici di letto”.

Il 63,3% dei ragazzi che ha partecipato allo studio, a prescindere dal genere e dall’orientamento sessuale, dichiara di masturbarsi regolarmente. E solo il 10% distribuito regolarmente per genere e orientamento dichiara di non farlo mai.

Solamente l’1% dichiara di aderire al chemsex, ovvero al sesso sotto l’effetto di droghe e di utilizzarle come unica modalità per avere rapporti sessuali.

Secondo invece un sondaggio Ipsos Mori per Bbc su un campione di ragazzi giovanissimi (tra 16 e 22 anni) un terzo si definisce gay o bisessuale.

Secondo Alessandra Graziottin, direttrice del centro di Ginecologia e sessuologia medica del San Raffaele Resnati di Milano, oggi “per un numero crescente di giovani l’identità viene percepita come fluida; definizioni come omosessuale o etero come una gabbia. Se in passato un’identità non definita metteva ansia, ora è percepita come qualcosa da sperimentare, sia nel senso dell’identità personale sia nel senso della disponibilità a una variabilità di interlocutori nel sesso”.

Anoressia sessuale, sempre più giovani hanno problemi a letto

Anoressia sessuale sempre piu giovani hanno problemi a letto

Ma molto sentito, in tema di sessualità, è anche un altro problema di cui si parla troppo poco: l’anoressia sessuale, uno dei motivi più frequenti della mancanza di desiderio.

Il suo manifestarsi non è nemmeno un fatto raro, visto che il fenomeno è sempre più frequente in fasce d’età sempre più basse e con particolar insistenza negli uomini.

Questo disturbo è ancor più grave del disturbo da desiderio sessuale ipoattivo. Infatti alla persona afflitta da Anoressia Sessuale non manca, come in quest’ultimo, solo il desiderio di fare l’amore, ma anche le fantasie erotiche e gli stimoli fisici legati alla sessualità.

Chi ne è affetto sta bene, avvolto da una sorta di “pace dei sensi”, e procede verso uno stato psico-fisico asessuato. Se per lui non si pone alcun problema, va detto che il discorso cambia di gran lunga quando dall’altra parte c’è un partner dotato di normali stimoli. La coppia, infatti, subisce un vero e proprio shock e naviga con ogni probabilità verso il naufragio.

L’Anoressia Sessuale può assumere anche connotati di distorsione del pensiero e di tipo ossessivo-compulsivo, secondo i quali l’individuo spende tanto e troppo tempo ed energia psico-fisica nell’assecondare pensieri ed atteggiamenti circa l’evitare le attivazioni ed i contatti sessuali.

Le cause dell’anoressia sessuale possono essere molteplici: assunzione di farmaci, squilibrio ormonale, patologie fisiche, stanchezza, lavoro troppo intenso, gravidanza, allattamento, eventi traumatici, stress, ansia, depressione, immaturità, paura, blocco psico-evolutivo, calo dell’autostima, senso di inadeguatezza e ovviamente problemi di coppia.

L’anoressia sessuale può essere difficile da diagnosticare e non esiste un singolo test per identificarla; gli esami del sangue possono mettere in evidenza i livelli ormonali che possono interferire con la libido. Parlare con uno psichiatra o sessuologo può aiutare.

La risoluzione dei conflitti può svolgere un ruolo positivo nel trattamento dei problemi con il desiderio sessuale; le persone cresciute pensando che il sesso fosse sbagliato, così come le persone che hanno subito un trauma sessuale, possono lavorare sui problemi del passato con un professionista di fiducia, nel tentativo di acquisire un atteggiamento sano nei confronti del sesso.

Laureanda, content writer professionista, in attesa di patentino giornalista pubblicista, si occupa principalmente di contenuti legati alla sanità italiana e alla tecnologia.

Potrebbero interessarti

Roma, detenuto Tunisino evade durante una visita al Pertini

Non è la trama trita e ritrita per altro di un film,…

Caleb, l’uomo che non sente e conosce le emozioni

Nel mondo ci sono migliaia di malattie e sindromi che affliggono gli…

Colpi di caldo sui bambini? Ecco come fare per prevenire

L’estate è ormai arrivata ed il temutissimo caldo ha ormai preso il…

Leucemia, anche il genitore incompatibile può dare il midollo

I ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma hanno messo a punto…