Antonino Cannavacciuolo fa un’amara confessione

Chef di indubbio talento, Antonino Cannavacciulo ha dovuto lavorare sodo per raggiungere i suoi traguardi, per essere riconosciuto ed apprezzo a livello nazionale ed internazionale.

Ma si sa che un lavoro come quello da chef richiede una miriade di sacrifici, soprattutto per quanto riguarda gli orari: non ci sono feste o serate che reggano, bisogna sempre essere lì presente, a capo della propria brigata in cucina, rinunciando al tempo passato con gli amici e la famiglia.

E Antonino lo riconosce, confessando a Mara Venier, intervistato a Domenica In, che forse il suo più grande cruccio è di essere stato un padre assente.

«Sono un papà assente. Oggi sto qua ed è il compleanno di mia figlia. Hanno beccato un papà sfortunato», ha dichiarato amareggiato.

Con Mara ha poi ripercorso la sua infanzia e giovinezza, quando si è approcciato al mondo della cucina, “figlio d’arte”: “Tutti i giorni vedevo queste giacche bianche in casa mia e da lì dicevo, già a 8 anni, voglio fare il cuoco”.

Suo padre però non era d’accordo: “Dopo la scuola media ho detto di voler fare la scuola alberghiera […] Lì c’è stato uno stop, mi ha iscritto l’ultimo giorno”.

Quando suo padre ha capito che la sua passione era reale, le cose sono cambiate: “L’estate successiva mi ha mandato da un cuoco che menava”.

Grazie al suo lavoro Cannavacciuolo ha potuto realizzare molti dei suoi sogni ed è felice del lavoro che fa, ma ha ammesso: “Non lo rifarei. A 23 anni un ragazzo deve vivere la vita, io ho pensato troppo al lavoro, dalla mattina alla sera. Oggi i 20 anni sono passati”.

Next Post

Picchia i compagni di classe, il padre la costringe a tornare a casa a piedi

Il padre costringe la figlia a camminare per cinque miglia da scuola dopo aver ripetutamente preso a pugni i compagni di classe in autobus. “E’ il mio modo per cercare di fermare il bullismo nella mia famiglia“, queste le parole del padre mentre gira il video guardando la figlia che […]