Antonio Zequila, dure critiche a Valeria Marini

Da quando è entrata nella casa più spiata d’Italia, la showgirl Valeria Marini è una delle protagoniste assolute di questa prima edizione del Grande Fratello Vip.

Costantemente “imbambolata” e sovente fuori luogo con le sue affermazioni in bilico tra il serio e il faceto, Valeriona sui social è stata bersagliata per l’enorme differenza del suo aspetto prima e dopo interminabili ore di trucco e parrucco, e proprio su questo aspetto è voluto intervenire anche un suo ex fidanzato, l’attore Antonio Zequila.

“Er Mutanda”, questo il soprannome che si è guadagnato anni fa dopo la partecipazione all’Isola dei Famosi, ha approfittato di un’intervista sul settimanale Vero per sparare a zero sulla sua ex, con cui ha avuto una relazione negli anni ’90.

L’attore 52enne, rivolgendosi direttamente alla Marini, non si è contenuto: “Partecipare al reality di Canale 5 è un grave errore. Quando ti ho conosciuta eri giovane e bellissima. Perché farti vedere in questo stato?”.

“Valeria ha esagerato con la chirurgia estetica – ha punzecchiato Zequila – Ormai ha quasi 50 anni e l’orologio biologico non perdona. Ha il viso un po’ sfatto, le labbra segnate dal botox e dall’acido ialuronico. Insomma, i segni del tempo si vedono, ma lei non se ne accorge. Ed è tutta colpa del suo ego smisurato”.

Secondo l’attore, Valeria Marini, invece che ridicolizzarsi nel reality, avrebbe dovuto produrre un film e mostrare il proprio talento come attrice: “Non credo che aggiunga nulla alla sua carriera. A nessuno piace stare fermo e non lavorare, ma lei potrebbe cucirsi un film addosso e venir fuori come attrice. Qualche soldo, in fondo, lo ha guadagnato. Quando fece Bambola, la pellicola firmata del maestro dell’eros Bigas Luna, era perfetta. Ora invece partecipa al Gf Vip, francamente mi sembra all’ultima spiaggia”.

Next Post

Celebrità, anche da morti guadagnano milioni

Anche se a prima vista potrebbe sembrare un controsenso, molti artisti, dalla fama mondiale, non solo continuano a guadagnare ben oltre la loro morte, ma anzi rappresentano una vera e propria miniera d’oro per gli eredi, che possono vivere di rendita e nel lusso solo con i diritti d’autore che […]