Anziani maltrattati in casa di riposo, 17 indagati

Redazione

Gli ultimi aggiornamenti sono davvero raccapriccianti, nella vicenda che si è allargata a macchia d’olio, dopo la condivisione da parte del popolo del web, che ha messo in risalto di Prato e della casa di riposo dove gli anziani venivano maltrattati e trattati senza decoro.

Sempre più spesso si sente al telegiornale e si legge sul web notizie di anziani maltrattati e picchiati dalle loro badanti o da coloro che dovrebbero averne cura all’interno delle adeguate struttura in cui vivono. L’ultima orrida notizia viene arriva da Prato dove, all’interno di una casa di riposo, anziani venivano maltrattati da infermieri e operatori che adesso sono indagati.

In una lunga nota si legge “L’attività investigativa, svolta anche con l’ausilio della direzione Sanitaria della Asl 4 di Prato, ha messo in luce una situazione grave, di umiliazione continua degli anziani, anche in momenti delicati della loro vita, e un contesto generalizzato di tali condotte. Quotidiani erano i maltrattamenti fisici e morali nei confronti dei degenti, sottoposti, senza alcun motivo, a strattonamenti e a condotte lesive della loro integrità fisica. Altrettanto quotidiani erano le condotte di dileggio e ingiuria verso gli ospiti della residenza, che denotano una costante volontà vessatoria nei confronti dei malati”.

Nove tra infermieri e operatori socio sanitari della struttura sono stati sospesi dal pubblico servizio mentre invece altri otto sono indagati, per un totale dunque di 17 indagati. La struttura in questione è la residenza sanitaria assistita di Narnali all’interno della quale sono disponibili 50 posti.

Next Post

Roma, lascia il figlio di 3 anni nell’auto rovente

Purtroppo storie del genere se ne stanno sentendo sempre più spesso, e non si può fare a meno di chiedersi come possano accadere episodi del genere, come individui apparentemente “normali” si lascino andare a gesti che francamente appaiono stupidi ed avventati. Una volta capitava che qualche individuo di poco cuore […]