Arisa ai funerali dei Caporale intona “L’amore della mia vita”

Eleonora Gitto

Ai funerali di Luciano Caporale e Silvana Angelucci, due delle vittime della tragedia di Rigopiano, la cantante Arisa a sorpresa intona “L’amore della mia vita”.

Luciano Caporale Silvana Angelucci, di 52 e 48 anni, si trovavano nell’Hotel di Rigopiano per una vacanza.

Le cattive condizioni del tempo avevano costretto i coniugi a fermarsi un giorno in più.

Nella Chiesa di Santo Stefano di Castel Frentano (Chieti), l’intera comunità si è stretta intorno ai figli Nicola ed Elia, il primo studente universitario, il secondo acconciatore come il padre.

Luciano e Silvana, come ha ricordato il parroco don Roberto Geroldi, erano molto amati nel paese per la loro generosità e il costante impegno sociale e culturale.

“Luciano e Silvana – ha detto don Geroldi durante l’omelia – abbiano sempre accolto ognuno come essere unico e condiviso amore senza confini”.

Ai funerali, nascosta tra la folla c’era anche la cantante Arisa che all’improvviso ha intonato il brano “L’amore della mia vita”.

Con questa canzone Arisa ha voluto rendere omaggio alla coppia che, come si vede nel video diventato virale dei giorni scorsi, cantava a squarciagola in macchina proprio questo brano.

Quel video immortalava la famiglia in un momento sereno, e quel canto a sorpresa intonato in Chiesa sembrava volesse dire: “Vogliamo ricordarli così: felici e spensierati”.

Nessuno si era accorto della presenza della cantante, infatti, molti hanno creduto che fosse un CD.

Si è scoperto che era Arisa solo quando al Sindaco del paese è arrivato il video che immortalava il momento.

Arisa non voleva pubblicità, il suo, dicono dal suo entourage, è stato gesto di solo e puro affetto.

 

Next Post

Astronomia: 31 gennaio congiunzione fra Venere, Marte e Luna

Grande congiunzione fra Venere, Marte e Luna per martedì 31 gennaio. Il cielo notturno è sempre uno spettacolo affascinante, ma ci sono dei momenti particolari da non perdere. Questi momenti possono essere apprezzati con un telescopio, con un binocolo, con un cannocchiale. Se siamo in grado, possiamo fare anche delle […]
Astronomia: 31 gennaio congiunzione fra Venere, Marte e Luna