Arredamento interni: i colori giusti per valorizzare la tua casa al mare

Redazione

In estate spesso si ha il desiderio di novità e sono in molti quelli che iniziano a rinnovare le proprie case, con piccoli tocchi o grandi lavori. Certo bisogna stare attenti alle scelte che si fanno e ricordarsi che l’estate terminerà mentre la casa resterà la stessa anche in inverno, quindi cambiamento si, ma con attenzione!

Sono soprattutto coloro che possiedono abitazioni in località balneari ad essere più tentati dal riempire casa con disegni di ancore e pesci, ma bisogna cercare di resistere e procedere per gradi. Per prima cosa, quando si parla di arredamento interni, si dovrebbero scegliere con attenzione i colori predominanti nelle stanze e valutare l’effetto con la luce naturale presente in esse. Non pensate che gli unici colori che richiamino l’estate siano l’azzurro e il bianco, ci sono infatti tonalità eleganti e fresche, pur essendo più scure e forti, che ben si adattano anche a quelle case non esattamente sulla spiaggia. Un esempio è sicuramente il blu navy (conosciuto anche come blu marino), tonalità elegante e dal forte impatto. Questo colore fu utilizzato nel 1700 per le divise della marina militare britannica proprio per via della sua raffinatezza e al tempo stesso per quella sensazione di severa regalità che suscita in chi lo guarda.

Dalla marina militare britannica al salotto di casa

Un colore come il blu navy può impreziosire le pareti di una stanza da letto o magari di un salotto, e non risultare mai troppo carico se accostato a delle linee bianche che possono essere trovate ad esempio negli infissi delle finestre o nelle tende. Un altro tocco consigliato dagli esperti di “arredamento design” è quello di aggiungere alla stanza dei tocchi di rosso corallo. Questi tre colori, quando uniti contribuiscono a donare all’ambiente un clima di piacevole freschezza senza rinunciare all’eleganza che si può cercare in un’abitazione.

Salotti o camere chic in stile coastal sapranno regalare alla vostra dimora quel brio tipico delle spiagge più belle, regalando inconsciamente la sensazione di piacere che normalmente si prova quando ci si trova in luoghi di mare. Un altro consiglio, se non si desidera cambiare il colore alle proprie pareti, è quello di lasciarle bianche e trasformare il proprio mobilio in mobili di design grazie ad accessori del punto di tinta ricercato. Un divano color marino ad esempio può contribuire a ottenere il risultato ricercato, o in alternativa un copri divano adatto può risolvere il problema, oltre ad essere molto più economico. Tovagliette, cornici per foto, specchi e quadri dello stesso colore aiuteranno poi a fare il resto.

Quando il risparmio è il primo pensiero ma non si vuole rinunciare alla voglia di cambiare bisogna semplicemente ingegnarsi, nascondendo tutti gli elementi che stonano col progetto che abbiamo in mente, senza sostituirli del tutto. Diventano protagoniste le tende, le tovaglie, i teli ed i tappeti, così come non bisogna mai trascurare cuscini, lampade (tanto quelle a sospensione quanto piantane e luci da tavolo) e suppellettili che possono di sicuro contribuire a creare l’impatto visivo che desideriamo.

Come a casa, così fuori

 Un errore che certe volte si tende a fare è quello di fornire un arredo design a tutta la casa, stando attenti anche ai dettagli più piccoli, ma dimenticandosi di verande e balconi. Nulla di più sbagliato, in quanto questi luoghi sono parte della propria abitazione e bisogna valorizzarli per non sprecare tutto il lavoro fatto negli spazi interni.

Non è necessario utilizzare sempre gli stessi colori che sono presenti dentro casa, ma un consiglio è sempre quello di trovare una linea comune, una tonalità presente all’interno che si ripeta anche all’esterno dando una sensazione di continuità. Se ad esempio si è deciso di tenere le pareti bianche, è auspicabile tinteggiare anche il balcone con tale colore o quantomeno utilizzare sulle pareti elementi che lo richiamino. Un consiglio molto utile può essere quello di utilizzare un treillage bianco, magari con uno schema a rombi così da poter “sfruttare” i buchi della trama per appendere vasi o altri oggetti ornamentali. Una struttura del genere, oltre ad essere economica e facile da montare sulle pareti, è utile anche quando si hanno balconi confinanti con i propri vicini, che non permettono di avere la giusta privacy.

Se si è optato per un arredamento interni dai colori che ricordino il mare, all’esterno si potrebbero usare del verde e del legno, magari appendendo qui e lì delle piante in vasi bianchi. Un consiglio quando si devono scegliere le piante per il balcone, è quello di informarsi prima sulla specie, per avere più chance che restino in vita più a lungo e magari senza troppi sforzi, soprattutto se avete in mente di partire per vacanze che si prolungheranno oltre i tre giorni.

Qualsiasi sia l’idea, sia per quanto riguarda l’interno che per le zone esterne dalla casa, è indispensabile avere un progetto ben chiaro in mente, così da non lasciarsi fuorviare ritrovandosi a vivere in un guazzabuglio di idee senza una linea logica: mettere insieme tante cose belle dagli stili troppo diversi non è quasi mai una buona idea, e in casi ancora più rari aiuta a risparmiare. Penna e pennarello in mano, giù gli schizzi e avanti coi lavori!

Next Post

Anonymous svela: La Nasa a breve annuncerà l’esistenza di altre vite

Secondo quanto rivelato dal gruppo hacker più famoso al mondo, Anonymous, sembra proprio che la Nasa stia in procinto di dichiarare, finalmente, la presenza ufficiale di altre forme di vita nell’universo. Secondo quanto rivelato in un video, scrive l’Indipendent, tale annuncio potrebbe essere legato all’ufficializzazione, avvenuta la scorsa settimana, dell’esistenza […]
anonymous-annuncio-alieni-nasa