Ashley Madison, i dati sensibili dei traditori sono online

Quando si naviga online, e si inseriscono i propri dati sensibili, non si può mai essere certi di come questi possano essere utilizzati in seguito, e lo sanno bene gli utenti di Ashley Madison, uno dei siti d’incontro più famosi al mondo.

Il mese scorso i membri di Impact Team avevano iniziato a pubblicare i dati di alcuni fedifraghi, minacciando di proseguire se Avid Life Media (Alm), la società canadese che controlla Ashley Madison, non avesse chiuso definitivamente le proprie piattaforme.

La società ha deciso di non cedere al ricatto ed è così che nelle ultime ore sono stati resi pubblici i dati relativi a ben 32 milioni di persone (sui 37 milioni che sono iscritti al sito). Sono 9,7 Gb di dati, disponibili sul dark web (un’area di internet accessibile solo con software di crittografia, ma chiunque può farlo).

“Il database sembra essere autentico e contenere username, password, dati di carte di credito (le ultime quattro cifre), indirizzi, nomi completi e molto, molto di piu'”, ha spiegato Dave Kennedy, dell’azienda di sicurezza informatica TrustedSec.

Next Post

L’icona degli anni ’80 è Super Mario

Protagonista di oltre cento videogiochi targati Nintendo, è lui l’icona indiscussa degli anni ’80: non ce n’è per nessuno, da Madonna fino ai Beatles, gli odierni quarantenni ricordano Super Mario come eroe della loro giovinezza. Baffoni, maglia rossa e cappello con l’inconfondibile “M”, Super Mario, protagonista di videogiochi che hanno venduto […]