Augusto Minzolini condannato in via definitiva dalla Cassazione

Eleonora Gitto

Augusto Minzolini, già direttore del Tg1 di nomina berlisconiana, è stato condannato in via definitiva dalla Corte di Cassazione.

Le contestazioni riguardano l’uso spregiudicato della carta di credito aziendale della Rai per spese di rappresentanza.

In tutti questi casi Minzolini aveva consegnato le ricevute, ma le motivazioni delle spese non c’erano da nessuna parte.

Il che vale a dire che quelle cene, pranzi e quant’altro poteva farli quando voleva e con chi voleva, è evidente.

In primo grado Minzolini era stato assolto con la motivazione che non sapeva bene perché gli fosse stata messa a disposizione quella carta di credito.

Motivazione deboluccia e, infatti, è stato condannato prima in appello, poi definitivamente in Cassazione.

L’intercessione del famoso avvocato penalista Franco Coppi, non è servita a evitare la condanna finale in Cassazione.

Insomma, bella figura per quest’uomo. Sarà ora cessata per lui quella baldanza, quella sicumera sempre ostentata fino all’inverosimile e decisamente fastidiosa.

Ora, oltre a non intervenire più in maniera noiosamente patetica ai Tg1 a difesa di Berlusconi, l’ex direttore è pure diventato semplicemente un pregiudicato, come ce ne sono molti altri.

Il reato di peculato certo non è fra i più significativi, eppure gli può precludere un percorso lavorativo potenzialmente ancora importante.

Next Post

Lopez, il doppiatore di Leonard canta di un amore finito

In Italia più che lui come personaggio, è conosciuta la sua voce, essendo il doppiatore, tra i tanti personaggi a cui ha dato voce, di Leonard, lo scienziato imbranato della celeberrima serie nerd americana Big Bang Theory. Lui si chiama Gabriele Lopez ed è pronto ora a riscoprirsi come cantante: […]