Aurora Ramazzotti si confessa sulle pagine di Vanity Fair

E’ giovanissima, maggiorenne soltanto da pochi mesi, ma il suo essere “famosa” per essere figlia di una coppia di celebrità finora le ha provocato più problemi che altro, disagi che per una giovane adolescente non sono certo facili da affrontare.

Tutti ricorderanno quando i settimanali di gossip paragonavano il suo giovanissimo corpo a quello perfettamente scolpito e statuario di sua mamma Michelle Hunzicker, e da alcune settimane Aurora Ramazzotti è di nuovo al centro della bufera, e di aspre critiche.

La ragazza è stata accusata di essere una privilegiata, perché, pur non avendo nessuna esperienza nel settore, è stata scelta come conduttrice della striscia di X Factor Daily.

Dopo settimane di critiche amare, ora Aurora Ramazzotti ha deciso di dire la sua dalle pagine del prossimo numero di Vanity Fair. «Sono una privilegiata, ma non è stato facile. So benissimo di avere avuto una possibilità che, senza il mio cognome, non mi sarebbe arrivata, o comunque non con questa facilità. Credo davvero nelle mie capacità, ma sicuramente là fuori c’è qualcuno molto più bravo di me che questa possibilità non l’ha avuta perché è figlio di gente comune».

“L’hanno scorso mi sono persino iscritta a X Factor, ovviamente senza dirlo ai miei. Non avevo calcolato che, avendo io dato le mie vere generalità, avrebbero subito contattato mia madre. Mio padre mi ha detto che ero brava, ma mi ha messo in guardia: ‘Non sarà facile, devi essere forte. Ne sei davvero convinta?’. Ci ho riflettuto molto e ho lasciato perdere”.

Aurora ha deciso, dunque, di affrontare la questione ammettendo i privilegi di cui una doppia figlia d’arte come lei può godere, e non avrebbe potuto affrontarla in altro modo.

Loading...
Potrebbero interessarti

Paolo Ruffini si difende: anche le parolacce raccontano la violenza

Nelle scorse ore vi avevamo raccontato della performance, ben poco edificante a…

Richard Hatch morto a 71 anni il protagonista di Battlestar Galactica

Così come tragicamente è terminato il 2016, anche il 2017 non si…