Austerlitz, il docufilm amaro di Sergei Loznitsa

Eleonora Gitto

Austerlitz, il docufilm amaro di Sergei Loznitsa sarà nelle sale cinematografiche italiane dal 25 gennaio.

L’uscita in Italia del docufilm di Loznitsa anticipa di due giorni il “Giorno della Memoria”, la ricorrenza internazionale che si celebra ogni anno il 27 gennaio per ricordare le vittime dell’Olocausto.

Austerlitz parla della memoria. Ma che cos’è e che cosa resta della memoria? Cosa ne è della qualità della memoria?

Il ricordo come tale ha un suo valore perenne, a prescindere? O ci serve solo come spunto per manifestarci, per marcare un’esistenza che non c’entra nulla col ricordo?

A pochi giorni dall’evento della ricorrenza dell’Olocausto, il regista si interroga con amarezza su tutti questi aspetti, realizzando un’opera tratta da un romanzo, Austerlitz, di W. G. Sebald.

La memoria e il suo valore entrano in un assurdo conflitto con la banalizzazione della stessa, come la deminutio a livello di ordinarietà.

Come quando la gente entra nei luoghi dell’olocausto senza preparazione, banalmente assente, senza etica, senza profonda coscienza del dolore vissuto.

Ecco che le persone, riprese impietosamente dal regista, al cospetto dei luoghi di morte e di massacro, preferiscono riprendere senza cuore, osservano quasi distratti l’asetticità dell’atteggiamento.

La macchina da presa, sapientemente posizionata, registra senza pietà questa mancanza di pietà.

Pochissimi i sofferenti in volto nel museo di Sachsenhausen. Un docufilm freddo per coloro che in gran maggioranza restano freddi, non capiscono.

Nessuna condanna esplicita da parte del regista; solo una serie di riprese crude, impietose, volte a rammentare probabilmente che nel nostro mondo si conosce poco la storia e non si ha per nulla idea di cosa è la cultura.

Next Post

Vladimir Luxuria avrebbe voluto le Marchi all’Isola dei Famosi

Come abbiamo appreso ufficialmente nei giorni scorsi, Vladimir Luxuria prenderà il posto che l’anno scorso si erano spartiti Mara Venier e Stefano Bettarini, e sarà l’opinionista della prossima edizione dell’Isola dei Famosi, che partirà il 30 gennaio. Luxuria si troverà certamente molto a suo agio nel ruolo, dato che lo […]