Avril Lavigne accusa Mark Zuckerberg di bullismo

Redazione

Una frase detta così per scherzo si è trasformata addirittura in una lotta contro il bullismo, ne sanno qualcosa l’accusato ovvero Mark Zuckerberg e l’accusatrice la cantante Avril Lavigne.

Tutto è accaduto praticamente dopo la presentazione del nuovo assistente virtuale Jarvis, ufficializzato proprio da Mark Zuckerberg che ironizzando sul nuovo assistente dotato di intelligenza artificiale ha detto: “Non ci sono buone canzoni dei Nickelback per dialogare con lui”.

Apriti cielo perché l’ex moglie del frontman del gruppo canadese dei Nickelback, Avril Lavigne ha difeso proprio Chad Kroeger con un messaggio sul suo profilo ufficiale Twitter, accusando Zuckerberg di incentivare così il bullismo.

Caro Mark, molte persone utilizzano i vostri servizi e i vostri prodotti alcuni li amano e altri no. Il vostro colpo lanciato verso i Nickelback è di cattivo gusto. Quando si ha una voce come la sua così importante si dovrebbe prendere in considerazione l’idea che quello che in questo modo si potrebbe promuovere il bullismo, soprattutto con tutto quello che sta accadendo oggi nel mondo SayNoToBullying #TheJokeIsOld # NickelbackHasSoldOver50MillionAlbums”.

Non sono mancate le risposte dei fan direttamente sul profilo della cantante che sostengono Zuckerberg non tanto per il suo intervento ma per il semplice fatto che si trattava di una battuta, alcuni scrivono: “Mi mancano i bei tempi in cui la gente poteva fare un fot…o scherzo!”.

Next Post

Arcetri, una mostra sulla storia della specola

Arcetri, una mostra sulla storia della specola, con disamine su temi di astronomia e di fisica. Mercoledì 21 dicembre è stata inaugurata la mostra intitolata Astronomia e fisica a Firenze, dalla Specola ad Arcetri. Erano presenti il Rettore dell’università di Firenze, Luigi Dei; il Presidente del Museo di Storia Naturale, […]
Arcetri, una mostra sulla storia della specola