Baotaz, fra arte e scienza: il corpo che si connette col mondo

Eleonora Gitto

Baotaz, fra arte e scienza: il corpo che si connette col mondo.

Il progetto riguarda l’interconnessione fra il corpo e il resto del mondo, e coinvolge praticamente tutti: fisici, ingegneri, filosofi, giuristi, architetti, poeti, e chi più ne ha più ne metta.

Si tratta di un progetto itinerante che ha fatto tappa a Firenze dal 22 al 26 agosto, e adesso approda a Milano, dal 3 al 4 settembre.

Fra le questioni oggetto dello studio c’è: “Come si relazionano gli abitanti di un Paese interconnesso? Che cosa è un senso aumentato? Come sviluppare nuove sensibilità estetiche neuro-psicologiche, sociali all’interconnessione? La vasta disponibilità di dati e informazioni che produciamo attraverso reti e tecnologie ubique sono un bene comune”?

E ancora. “Perché l’arte e la transdisciplinarietà sono sempre più al centro dei processi di innovazione?”.

A tutto questo può dare una risposta il progetto che si chiama Baotaz, che il prossimo 30 settembre approderà anche a Pozzilli, presso il Parco Tecnologico IRCCS dell’Istituto Neuromed, in occasione della notte europea dei ricercatori.

Insomma, una maniera molto interdisciplinare per parlare della medialità, del futuro delle relazioni umane e dei modi di comunicare a esse connessi.

 

Next Post

Il Segreto, anticipazioni lunedì 5 settembre

Dopo lo straordinario episodio di ieri, durato il doppio del consueto e che non ha potuto che far felici tutti gli appassionati spettatori, siamo pronti ad iniziare una nuova settimana in compagnia dei nostri beniamini de Il Segreto. Nella puntata di oggi, lunedì 5 settembre, vediamo che Amalia sembra aver […]