Benefici e danni dei videogiochi sul cervello

Sempre più persone, adulti e bambini, non solo usano quotidianamente i videogiochi, ma ne abusano, ne fanno cioè un uso smodato che può provocare anche seri problemi al cervello, oltre che alla vista naturalmente, per la troppa esposizione alla luce artificiale dello schermo.

Uno studio condotto dall’università dello Utah su 200 adolescenti ha rivelato che il cervello dei videogiocatori definiti ‘compulsivi’ ha connessioni neurali più sviluppate rispetto alla media. L’università americana ha condotto alcune ricerche con i colleghi dell’università Chung-Ang (Sud Corea), i quali hanno analizzato i cervelli di giocatori dipendenti dal mondo dei videogiochi (Internet Gaming Desorder), un problema non troppo raro tra i ragazzi della penisola asiatica.

I videogiocatori cronici hanno delle connessioni neurali molto sviluppateche favoriscono un approccio migliore e più rapido alle nuove informazioni. Il compito della “salience network” è di focalizzare l’attenzione sugli eventi importanti e mettere il soggetto nelle condizioni di agire nel migliore dei modi. Nei videogiochi, molto spesso è necessario agire con velocità e precisione e questo aiuta a sviluppare le abilità del cervello dedicate alla coordinazione fra vista e udito.

Naturalmente non mancano e contro e certamente non sono di poco conto.  Giocare troppo ai videogiochi porta anche al problema della dipendenza, conosciuta come “Internet gaming disorder”: un disturbo mentale che spinge i soggetti affetti a trascurare persino i bisogni primari pur di continuare a giocare.

Angela Sorrentino

Laureanda, content writer professionista, in attesa di patentino giornalista pubblicista, si occupa principalmente di contenuti legati alla sanità italiana e alla tecnologia.

Potrebbero interessarti

Pbm, Italia premiata dall’Ue per la gestione delle trasfusioni di sangue

Dopo le sanzioni impartite purtroppo in moltissimi ambiti, finalmente arriva un lodevole…

Chirurgia plastica, la nuova moda di rifarsi la vagina

La chirurgia plastica è ormai alla portata di tutti, se nei primi…

Celiachia, 8 bambini su 10 in Europa non sanno di averla

La celiachia è una malattia autoimmune di cui soffre fino all’1% della…

Torino, medico 59 enne si suicida nella Chiesa dell’ospedale

Un uomo ligio al dovere, una persona affidabile e benvoluto da tutti,…