Beppe Grillo, pronti alle elezioni anticipate subito

Anche in queste giornate di caldo afoso il leader del Movimento 5 Stelle non si risparmia, e come è nel suo stile, urlando annuncia al mondo, o meglio ai suoi elettori, che è pronto ad andare ad elezioni anticipate, per prendere le redini di un paese lasciato in “mani sbagliate”.

“Il Movimento sta andando bene, la gente sta vedendo che non c’è altra possibilità oltre a noi. Il nostro problema è il tempo: dobbiamo andare il prima possibile alle elezioni. Perché “fare opposizione tutta la vita non è nel nostro dna”, dichiara il leader grillino in un botta e risposta serrato rilasciato al Corriere della Sera.

Beppe Grillo critica poi anche il modello di Europa, basato sulla moneta, sulle banche e sullo spread, apertamente in contrasto con il progetto originale. “All’Italia serve autonomia come nazione, anche nell’Unione” afferma il leader M5S che sottolinea che l’obiettivo del suo partito è quello di nazionalizzare le banche e di dar vita a una moneta parallela, una cosiddetta ‘lira forte’.

Grillo ha affrontato poi il capitolo della riforma costituzionale. “Noi siamo sempre stati contrari a questa riforma. Siamo per il Senato elettivo. Uno dei nostri punti fermi fin dal V-day è il voto di preferenza. Non si tratta di essere fuori dall’intesa tra Pd e Fi: è una visione differente della politica. O noi o loro”.

“Non credo – fa poi sapere infine – che l’anno prossimo andrò in tour per le elezioni comunali, ormai la gente ha capito che si vota un’idea e non per i personaggi”.

Potrebbero interessarti

Pensioni, il decreto lunedì in Cdm

Dovrebbe comparire sul tavolo del Cdm convocato per lunedì il testo del…

Eutanasia, urge calendarizzare la legge sul fine vita al Parlamento

In Italia non è certo una novità che la giustizia arrivi sempre…

Erri De Luca, la libertà di espressione in Italia vince ancora

Quando Erri De Luca è stato accusato di istigazione al sabotaggio si…

Quagliariello, appare definitiva la rottura con Angelino Alfano

Non è solo Forza Italia a perdere pezzi, né solamente il Pd…