Berlusconi annuncia la nascita di un nuovo partito, senza primarie

«La storia insegna che i grandi leader come De Gasperi, Craxi e Berlusconi non sono mai passati per le primarie. Non si chiamerà Partito dei Repubblicani, ma sarà un movimento che abbraccerà tutti i moderati italiani».

Queste le parole dell’ex Premier e leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, che si autocita, per annunciare all’Italia la nascita di un nuovo movimento, al cui capo ci sarà un suo uomo di fiducia, nominato direttamente da lui.

Non ci saranno le Primarie quindi, questo è certo, ma tutto il resto è circondato da un alone di mistero. Quello che non è un mistero è invece l’avversione che Berlusconi ha per l’attuale governo guidato da Matteo Renzi. Come dichiara al Tg 5: «Anche da bordo campo sento la responsabilità e il dovere di occuparmi ancora di quello che succede. La sinistra ha preso tutte le poltrone e anche gli strapuntini. Sento il dovere di mettere a disposizione del Paese che amo le mie esperienze di uomo di Stato e perché no, di imprenditore».

Sempre al Tg5, l’ex premier sottolinea anche l’ingiustizia del trattamento ricevuto:  “Sono stato messo fuori dalla politica a seguito di una sentenza incredibile che sarà presto cambiata dalla Corte Europea dei diritti dell’Uomo e a seguito della legge Severino, che mi ha reso incandidabile per sei anni. Quello che vedo è qualcosa che mi preoccupa grandemente. Siamo in una democrazia sospesa”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Augusto Minzolini condannato in via definitiva dalla Cassazione

Augusto Minzolini, già direttore del Tg1 di nomina berlisconiana, è stato condannato…

Renzi discutiamo sulla scuola ma senza boicottare

Il premier è convinto del programma per la scuola, va bene, anzi…