Biagio Antonacci live dall’Alcatraz di Milano

In questo autunno caldissimo per il panorama musicale italiano, esce in queste ore un nuovo album imperdibile: in uscita il 27 novembre c’è “Biagio”, un cofanetto che contiene tre cd con 48 successi rimasterizzati, due nuove versioni (“Liberatemi” e “Se io se lei”) e quattro inediti (“Ci stai”, “Cortocircuito”, “Aria di cambiamento” scritto da Battiato con Camisasca e “Mio mondo”).

Il cantautore ha presentato la sua ultima fatica ieri sera all’Alcatraz di Milano. “Ho pensato di cancellare il concerto – spiega lo stesso cantante- ma il questore mi ha rassicurato”. Dubbi nati dopo che domenica scorsa, allo stesso Alcatraz era stato annullato il concerto dei Five Finger Death Punch per motivi di sicurezza. “La tentazione di cancellare lo show – spiega l’artista – era dovuta alla paura più che mia di qualcuno del pubblico che mi ha fatto arrivare questo messaggio, ma ho parlato in prima persona con le autorità”.

Un concerto ‘presentata’ a distanza, in video da Miami da Laura Pausini, e con il contributo di Franco Battiato, autore assieme a Juri Camisasca dell’inedito ‘Aria di cambiamento’, e di Federico Zampaglione. La serata è stata trasmessa in diretta da Rtl e registrata per uno speciale dedicato al cantautore milanese che andrà in onda nei primi giorni di dicembre.

Il cofanetto che viene pubblicato venerdì raccoglie gran parte dei successi firmati dal cantautore nel corso degli ultimi quasi trent’anni e potrebbe essere previsto anche un tour vero e proprio, ma al momento non ci sono progetti precisi. “Mi piacerebbe tornare nei palasport che per me sono una sicurezza – dice Antonacci – ma anche andare nei teatri per uno spettacolo di sola voce, chitarra e pianoforte”.

Next Post

Fabrizio Corona, dopo il carcere insegnerà marketing all’Università

Niente di personale contro il personaggio Corona, che francamente ci sta anche simpatico, avendo dovuto essere il capro espiatorio di una giustizia italiana che vede solo quello che vuol vedere, per coprire magari misfatti ben più grossi, ne abbiamo invece di che dire sul Corona in veste nientemeno che di […]