Bob Dylan, dopo gli attentati di Parigi vuole la scorta armata

A Napoli si dice che la paura fa novanta, e se molti cantanti e band del mondo, dopo i terribili eventi di Parigi e soprattutto l’attacco al Bataclan, dove era in corso un concerto rock durante la carneficina, hanno deciso di annullare i loro tour e concerti, Bon Dylan on vuole fermarsi, ma pretende una sicurezza maggiore durante i suoi show.

Dylan torna a Bologna per un doppio concerto — oggi e giovedì alle 21 all’Auditorium Manzoni di via de Monari — e sarà una doppia data blindatissima, con le forze dell’ordine all’esterno e almeno 12 guardie armate in sala.

Oltre alle guardie armate chieste al, l’artista porterà con sé anche un entourage di sicurezza personale, a scortarne i movimenti in città. I dettagli dei quali rimangono, per ovvie ragioni, riservati.

Tra le altre misure di sicurezza, vietata la presenza di fotografi, telecamere e telefonini durante il concerto, in una sala che può contenere 1200 posti, dove saranno presenti anche le massime autorità cittadine: sindaco, prefetto e questore.

“È la prima volta che un’artista ci chiede di rafforzare in modo così consistente la sicurezza. Vista la situazione, dopo i fatti di Parigi, riteniamo che la richiesta di Dylan sia più che comprensibile”, racconta il direttore artistico del Manzoni, Giorgio Zagnoni.

Loading...
Potrebbero interessarti

Johnny Depp, per ora niente assegno mensile per Amber

Il mondo dello showbiz americano si è letteralmente spaccato in due: una…

Adele interrompe il concerto, una fan crolla per infarto

La cantante Adele avrebbe interrotto la sua performance durante il concerto per…