Bologna contro Salvini, sabotata l’Alta Velocità

Eleonora Gitto

Attentato all’Alta Velocità a Bologna, contro la Lega di Matteo Salvini.

In attesa della manifestazione leghista che si è tenuta oggi pomeriggio, e della contromanifestazione organizzata dai cosiddetti antagonisti, purtroppo si è registrato un fatto grave.

Durante la notte è stato appiccato il fuoco in quattro punti della stazione elettrica di Santa Viola.

A causa di ciò ci sono stati forti rallentamenti sulla tratta ferroviaria. In prossimità è stata trovata la scritta “sabotare un mondo di razzisti e di frontiere”.

Ora, sabotare i razzisti va pure bene, e al limite anche le frontiere, ma che cosa c’entrano gli incendi alle linee ferroviarie, devono proprio spiegarcelo.

Perciò il razzista Matteo Salvini, che certamente è tale e che è indubbiamente anche un provocatore, non ha tutti i torti a definire “semplicemente delinquenti queste persone”.

Da parte sua Giorgia Meloni, che ovviamente ci sguazza in queste cose, chiede l’intervento di Renzi e di Alfano.

Alfano, quale Ministro degli Interni va bene, ma che cosa c’entri adesso Matteo Renzi ci è oscuro.

La Meloni scrive su Facebook che “chi non condanna è complice”. Ma siamo un mondo di complici.

Lei è giovane e forse non ricorda i suoi capostipiti del vecchio MSI, quando non condannavano mai, e anzi, ci mettevano del loro per essere protagonisti della strategia della tensione. Altro che antagonisti.

Next Post

Multi, l’ascensore senza cavi e senza limiti anche in orizzontale

Presentato ai giornalisti il prototipo di Multi, l’ascensore senza cavi che si sposta senza limiti in verticale e in orizzontale. A presentare l’avveniristico ascensore è stata la ThyssenKrupp, l’azienda a noi tristemente nota per l’incidente nella Thyssen di Torino la notte tra il 5 e il 6 dicembre 2007 in […]
Multi, l’ascensore senza cavi e senza limiti anche in orizzontale