Bologna, espulsi 4 marocchini sospettati di inneggiare all’Isis
Bologna espulsi 4 marocchini sospettati Isis

Erano già sorvegliati da qualche tempo ma poi è scattata la perquisizione e la denuncia; si tratta di quattro marocchini residenti a Bologna che avevano destato i sospetti della Procura già dal 2010 e che oggi sono stati perquisiti dalla Digos; nelle loro case sono stati trovati materiali cartacei che inneggiavano all’Isis e all’uso di violenza e da qui è partito il decreto di espulsione, approvato da Angelino Alfano ; quest’ultimo ha dichiarato a proposito di quanto accaduto:

«I marocchini erano indagati per associazione con finalità di terrorismo, anche internazionale. Ho firmato questo decreto per motivi di sicurezza dello Stato. Si tratta infatti di quattro soggetti che, a vario titolo, hanno aderito e si impegnavano per la diffusione dell’estremismo violento»

Il ministro dell’Interno ha poi precisato: «Uno era l’informatico del gruppo, che diramava on line pratiche religiose e proclami ideologici di orientamento jihadista, canti celebrativi di atti di martirio, manuali sulle tecniche di combattimento e per la realizzazione di attentati.

Un altro navigava sul web alla ricerca di contenuti inneggianti all’odio verso l’Occidente e celebrativi della violenza quale strumento di affermazione dell’Islam. Un altro ancora manifestava la sua adesione all’ideologia più radicale concorrendo alla diffusione di contenuti funzionali alla formazione operativa degli altri sodali. E infine l’ultimo era strettamente legato al primo, l’informatico, con il quale condivideva la visione estremista dell’Islam».

Loading...
Potrebbero interessarti

Atac, dipendente sospeso per un video denuncia contro i disservizi

Una condotta tipicamente italiana: un dipendente denuncia cosa non va nella propria…

Roma, Marino va avanti e convoca giunta

Roma, riunione della giunta presieduta da Ignazio Marino: “Sto molto bene”, risponde sorridendo…