Britney Spears si becca la querela per quei gemiti

Redazione

Su e giù come sempre per la “contrastata” Britney Spears, che nella sua vita artistica e non solo, ha vissuto alti e bassi.

Ma quando le cose si mettono bene il destino ci mette sempre di fronte qualche problema, in questo caso la cantante dovrà difendersi da un’accusa di plagio, si tratta di un piccolo loop, ovvero una sequenza audio che sarebbe stata “carpita” a sua insaputa dal produttore Kirk Rothrum.

Secondo quanto riportato dalle fonti ufficiali, il produttore avrebbe querelato la cantante e la casa della Sony, per un brano del 2007 “Piece of Me”, dove compaiono, seppure come una sorta di loop, alcuni gemiti di donne.

Gemiti che ripetono “Ohh” e “Ohh Yeah”, secondo quanto affermato dallo stesso produttore, questi gemiti appartengono al suo catalogo, sarebbe dunque stati utilizzati senza chiedere nessun permesso e contravvenendo ai diritti dello stesso Rothrum.

D’altronde lo stesso produttore ha affermato che molto materiale del suo archivio è stato utilizzato, ovviamente con tanto di diritto d’autore, da grandi artisti come Rihanna, 50 Cent, Jay Z e tanti altri, ma per il momento tutto tace sia da parte di Britney Spears che dalla Sony.

Next Post

Orietta Berti la sua carriera per 900 euro al mese

Lo sfogo di Orietta Berti dopo 50 anni di carriera, la cantante ha voluto pesare le parole ma non mandarle a dire, in un’intervista al settimanale “Nuovo”. La celebre cantante italiana, intervistata, ha sfogato la sua rabbia dopo 50 anni di carriera e contributi versati per 50 anni, si ritrova […]
Orietta Berti la sua carriera per 900 euro al mese