California, strage al centro disabili: 14 morti, uccisi i killer

Redazione

Ancora una volta una strage in cui tantissimi innocenti perdono brutalmente la vita: è successo ieri al Centro servizi sociali di San Berardino, in California, dove una coppia di killer ha aperto il fuoco sulla gente ferendo a morte quattordici persone; successivamente i due colpevoli sono fuggiti a bordo di un Suv ma la polizia è partita all’inseguimento:

dopo quattro ore dall’attentato, gli assassini sono stati raggiunti dagli agenti che li hanno sparati uccidendoli; si tratta di una coppia di coniugi, Syed Farook, 28 anni cittadino americano, e Tashfeen Malik, 27 anni, originaria dell’Arabia Saudita.

I due erano sposati da due anni ed avevano anche un bimba di appena sei mesi; entrambi musulmani, Farook non aveva mai parlato di religione al lavoro e non aveva mai inneggiato alla Jihad. I suoi colleghi lo descrivono come una persona tranquilla e riservata e si definiscono molto sorpresi di quanto accaduto.

Le ragioni dell’attentato sono ancora da chiarirsi ma non si esclude la pista terroristica; il presidente Barack Obama è deciso a cambiare le normative che regolano la vendita di armi, e ha dichiarato in merito alla tragica strage: “Non dobbiamo pensare che questo sia qualcosa che avvenga nel corso normale delle cose, perché queste sparatorie non avvengono con la stessa frequenza negli altri Paesi”.

Next Post

La figlia di Sting confessa di essere gay

Una notizia del genere, diciamocelo tutto, non dovrebbe neppure più far notizia: ognuno dovrebbe essere libero di esprimere la propria sessualità e le proprie preferenze nello scegliere i partner, senza per forza essere etichettato, senza per forza dover “confessare” di non essere eterosessuale. Ma alla fine, si sa, il progresso […]