Campania, doppie indennità ai medici per 10 milioni di euro

Se già la Sanità pubblica italiana si trova a fare i conti con una situazione a dir poco disastrosa, con il sud Italia che come al solito fa da fanalino di coda con disservizi per i cittadini e strutture mal funzionanti e sovraffollate all’inverosimile, di certo non aiutano neppure i medici truffaldini che sottraggono illecitamente le poche risorse disponibili.

Ammonta a oltre 10 milioni di euro il danno erariale provocato da una truffa scoperta da Guardia di Finanza: 50 gli indagati dalla Corte dei Conti della Campania, tra cui 7 dirigenti della Regione Campania e 43 tra funzionari e dirigenti delle Asl regionali.

Complesse indagini avviate dalla Procura della Regione hanno portato alla luce il sistema di pagamento dell’indennità di “continuità assistenziale” ex guardia medica, a favore dei medici convenzionati delle Asl su tutto il territorio campano. Inizialmente, gli accertamenti si erano concentrati sulla Asl Napoli 1, e successivamente sono stati estesi alle Asl di tutta la regione, riscontrando durante i controlli, un coinvolgimento del fenomeno in ambiti molto più estesi.

In pratica i professionisti indagati percepivano illegittimamente l’indennità di assistenza continuativa, quella per le ex guardie mediche, soppressa nel 2005 dopo l’introduzione di una ben più vantaggiosa ‘indennità omnicomprensiva’.

Potrebbero interessarti

Arriva lo spinello elettronico, legale in Francia

Si è parlato molto dell’annosa questione legata ai rincari che dovrebbero subire…

Torino, un pene è stato ricostruito usando la pelle dell’avambraccio

I migliori talenti italiani fuggono all’estero, per cercare maggiori gratificazioni, per il…