Car2go, car sharing costa più caro nella periferia milanese

Quarto Oggiaro a Crescenzago, passando per Quinto Cagnino, Baggio e Chiesa Rossa: saranno diversi i quartieri dove a partire dal prossimo 17 agosto parcheggiare col servizio di car sharing risulterà più costoso, più del centro.

Una strategia chiara da parte dell’azienda per concentrare sempre più le auto dove è maggiore la richiesta, soprattutto in centro: Car2go ha infatti annunciato che sta per entrare in vigore il servizio PrendiMI, per adesso rivolto solo al capoluogo milanese. Lasciare in periferia una Smart fortwo contrassegnata da una stella in una zona della mappa con il colore chiaro, comporterà un sovrapprezzo di 4,90 euro, mentre spostarla verso il centro (zona scura) fa recuperare minuti di guida calcolati in base alla distanza percorsa.

“Non si può andare avanti così – spiega l’amministratore delegato di car2go, Gianni Martino -. Le persone lasciano le vetture lontanissimo dal centro, dove rimangono per giorni: noi vogliamo metterle dove servono di più”.

Inutile dire che tra i cittadini che abitano nei quartieri più periferici è subito montata la polemica: “A Milano nessuno è periferia!”, si legge su una serie di foto che stanno facendo il giro dei profili di molti utenti.

«Avevamo appena applaudito all’apertura dei car sharing ai Comuni fuori Milano e invece la decisione di Car2go ora va in direzione opposta rispetto al principio per cui il car sharing è nato. La commissione Mobilità convochi i dirigenti», le dichiarazioni che arrivano da palazzo Marino, dove non si nasconde il malcontento.

Next Post

Sbarcano sulle strade europee le Mirai ecologiche di Toyota

L’evento “segna il debutto di una nuova era per la mobilità sostenibile e un punto di svolta nella storia dell’automobile”, ha commentato Karl Schlicht, vicepresidente esecutivo di Toyota Motor Europe: sono infatti arrivate nelle scorse ore, in Gran Bretagna, i primi cinque esemplari di Mirai, rivoluzionaria berlina ad idrogeno di […]