Carlo Verdone ospite dell’Università D’Annunzio di Chieti

Redazione

“Accolgo con felicità questo premio perché, in fondo, non è proprio il mio lavoro quello dello scrittore. La casa sopra i portici , “non l’ho scritto per fare soldi ma per atto di amore e dolore d’aver perso la mia casa, quella dove ho visto vivere mia madre e mio padre, dove ho visto passare i più grandi personaggi, le nascite e le morti. È un libro vero, sincero”. Sono state queste le parole dichiarate ieri, 23 maggio 2015, dal celebre regista, attore e sceneggiatore italiano Carlo Gregorio Verdone semplicemente conosciuto dal pubblico come Carlo Verdone.

L’amatissimo artista italiano, vincitore del Premio “Città di Penne” per gli Scrittori dal Cinema. è stato ospite ieri dell’Università D’Annunzio di Chieti dove ha incantato, con l sua bravura e la sua simpatia, tutti gli studenti presenti. A presentare Carlo Verdone è stato il celebre sceneggiatore e produttore cinematografico italiano Enrico Vanzina insieme a Antonio Sorella e Carmine Di Ilio, rispettivamente direttore del dipartimento Disputer Liborio Stuppia e il rettore.

L’artista ha proseguito il suo discorso affermando “Io ho ancora voglia di guardare e raccontare, ma questi tempi sono duri perché è un periodo senza filo di etica e di moralità. La qualità della nostra vita è mediocre perché stiamo perdendo la memoria storia” e ha concluso affermando che “se dopo 38 anni sono qui, non è stata fortuna ma è per il mio modo di vivere, mai da protagonista”.

 

Next Post

Grande successo all'Arena di Verona per Gazzè, Fabi e Silvestri

Lo scorso venerdì, 22 maggio 2015, è stato un grande giorno per migliaia di fan di tre grandi artisti italiani che proprio nel corso della serata di venerdì si sono esibiti insieme in uno dei posti italiani più belli ovvero l’Arena di Verona. Stiamo parlando nello specifico del bravissimo cantautore […]