Carrie Fisher, la morte di una principessa

Eleonora Gitto

Carrie Fisher, la fiera principessa Leila di Guerre Stellari, è morta a 60 anni stroncata da un infarto.

“È con una tristezza profonda che Billie Lourd conferma che la sua amata madre Carrie Fisher è deceduta alle 8,55 di questa mattina. È stata amata dal mondo e lei ci mancherà profondamente. La nostra famiglia vi ringrazia per i vostri pensieri e le vostre preghiere”.

Con queste parole il portavoce della famiglia, Simon Halls, ha annunciato al mondo la morte della “principessa”.

Carrie era nata a Beverly Hills dal noto cantante Eddie Fisher, e dall’attrice madre Debbie Reynolds.

La sua carriera di attrice prende il volo con la saga di Guerre stellari. Era il 1977 quando Carrie Fisher fu scelta da George Lucas per il film con Harrison Ford, un successo che la rese famosa in tutto il mondo.

Anche se nella sua carriera ha interpretato tanti altri film (L’impero colpisce ancoraThe Blues BrothersIl ritorno dello Jedi, Harry ti presento SallyScream 3Maps to the stars e l’ultimo film della saga Star wars: Il risveglio della forza), l’attrice sarà sempre ricordata per il ruolo della principessa Leila.

Un ruolo che Carrie ha amato molto.  Circa un anno fa, riferendosi proprio a Star wars: Il risveglio della forza, la Fisher spiegava di essere fiera di tornare a lavorare per la saga che l’aveva resa famosa.

“Non fosse stato per la lungimiranza  di George Lucas – aveva dichiarato – non ci sarebbero mai state Sigourney Weaver in Alien e tante altre eroine. Leila ha lanciato, a mio avviso, una nuova generazione di giovani donne sicure di sé, senza paura, con cui ci si può identificare”.

Le creava problemi il fatto di essere ricordata solo per il ruolo di Leila? Per nulla: “Non sarei tornata a interpretare Leila – aveva detto l’attrice – alla mia età se mi avesse dato fastidio. È bello essere lei. Forte e indipendente, tutto quello che avrei voluto essere quando la interpretai per la prima volta nel 1977”.

Molti colleghi hanno ricordato con affetto la “principessa”, uno fra tutti Harrison Ford che con grande commozione scrive: “Carrie era unica, brillante, originale. Divertente e sensibile. Ha vissuto la sua vita con coraggio… I miei pensieri ora vanno alla figlia Billie, alla madre Debbie, al fratello Todd e ai suoi tanti amici. Mancherà a tutti”.

Next Post

Bologna al volante: sicurezza stradale, i dati dell’Osservatorio

Dai dati di uno studio dell’Osservatorio per l’educazione alla sicurezza stradale della Regione, si evince che a Bologna le cinture di sicurezza ancora non piacciono a tutti gli automobilisti. Tutto sommato i bolognesi al volante non si comportano così male, questa è l’opinione di Mauro Sorbi, presidente dell’Osservatorio per l’educazione […]
Bologna al volante: sicurezza stradale, i dati dell’Osservatorio