Carte d’identità rubate da rivendere ai migranti

Redazione

Le carte d’identità rubate doveva servire per i migranti in arrivo in Italia. Le indagini dei carabinieri sono cominciate nel luglio del 2014 da Gallipoli, e dopo il furto di 1050 documenti di riconoscimento dagli uffici comunali.

Gli stessi documenti di identità sono stati ritrovati nelle mani di siriani, palestinesi e albanesi che poi provvedevano a far diventare regolare i migranti. Il primo ingente furto è stato di 1050 carte di identità, di 12 pistole dei vigili urbani e 200 cartucce a Gallipoli.

I carabinieri hanno verificato che esistono legami molto stretti tra i membri della banda e gli esponenti della criminalità organizzata campana.

Questo meccanismo di documenti di identità si ripeteva da tempo. I documenti venivano poi venduti ai migranti che arrivavano in Italia clandestinamente così da potersi muovere nel territorio con una certa libertà. L’organizzazione era tentacolare, una parte era a Melito di Napoli, e poi altre diramazioni nel Meridione, anche nel Salento.

L’operazione è stata denominata “Bingo” ed è stata fatta dai militari di Napoli e Caserta. Sono state emesse ordinanze di custodia cautelare, con le accuse di associazione per delinquere finalizzata al furto di armi e documenti d’identità presso gli uffici anagrafe e di Polizia Locale, detenzione e porto abusivo di armi, ricettazione, contrabbando di sigarette.

Next Post

Un tumore su quattro guarisce

Aumentano i casi di tumore ma allo stesso tempo aumentano le percentuali di guarigione, fino ad arrivare alla ripresa completa di un caso su quattro. Il ministro Beatrice Lorenzin fa il punto sui dati del VII Rapporto Favo, Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia, sulle condizioni di assistenza […]
rapporto-favo-dal-cancro-si-guarisce