Caserta, 4 morti per un parcheggio conteso

La storia che vi raccontiamo oggi viene dalla provincia di Caserta, e nello specifico da un paesino, Trentola Ducenta, dove un parcheggio conteso e vecchi rancori tra vicini di casa hanno provocato una tragedia, con una scia di sangue che lascia dietro di sé ben quattro vittime.

Una drammatica vicenda quella che si è consumata in via Carducci, dove un poliziotto penitenziario, Luciano Pezzella, è sceso dalla sua abitazione e ha iniziato a litigare con i vicini, la famiglia Verde, per un furgoncino parcheggiato fuori posto.

Un alterco come decine prima di questo, ma che ha scatenato la furia omicida dell’uomo, che ha estratto la pistola e fatto fuoco, togliendo la vita a padre madre e figlio. Non contento del suo gesto, una volta in strada l’agente penitenziario ha ferito mortalmente il conducente del furgone, che conteneva cassette con la frutta, ed aveva provato a fuggire.

Non è chiaro se il fermato abbia usato la pistola di ordinanza per sparare alle vittime. Si sa solamente che alla furia omicida è riuscita a scampare la fidanzata del ragazzo ucciso, presente in casa, ma al piano superiore dell’abitazione.

Le vittime sono  Michele Verde, 61 anni, Enza Verde 58, e Pietro Verde di 31 anni, padre, madre e figlio.  La quarta vittima è un operaio, dipendente della famiglia sterminata.

Potrebbero interessarti

Treviso, papà picchia la maestra del figlio accusandola di abusi sessuali

Una storia tutta da appurare, accuse tutte da dimostrare, eppure anche se…

Si ferisce per scrivere una lettera d’amore con il sangue

Siena. Nel pieno della scorsa notte, 27 febbraio, una chiamata al 113…

Firenze, ricoverato bimbo denutrito: i genitori sono vegani

Una storia che fa molto riflettere, perché è una tematica che si…

Per il cardinale Vallini Roma deve ripartire col Giubileo

Da diversi giorni ormai la Curia romana, attraverso diversi suoi rappresentanti, ha…