Celine Dion, la donna di un unico uomo

Nelle scorse ore l’abbiamo vista rinascere, dopo il terribile momento trascorso a causa della tragica morte, a distanza di soli due giorni, del fratello e del marito, cantando in lacrime una originale reinterpretazione di The Show Must Go On, celebre brano dei Queen che si attaglia perfettamente alla sua voglia di ricominciare, sul palco dei Billboard Music Award.

Sancito il ritorno sulle scene, il 24 maggio Celine Dion è tornata con “Encore un soir”, primo singolo estratto dal nuovo album in uscita nel 2016, scritto e composto da Jean-Jacques Goldman. Una canzone che Céline ha chiesto in punta di piedi all’autore-compositore francese. “So che hai scritto già tutto per me, ma quello che vivo in questo momento è talmente importante, se tu potessi donarmi un poco della tua magia…”.

La diva parla per la prima volta in un’intervista al settimanale “Chi” e naturalmente le prime parole sono per il coniuge scomparso, dopo 35 anni assieme: “Non so che cosa mi riservi il futuro, ma non penso che potrò più innamorarmi di un altro uomo. Sono la donna di un unico uomo, il marito che ho perso quattro mesi fa. Il mio cuore è chiuso a chiave”.

“Sono tornata in scena un mese dopo la morte di René – spiega ancora la popstar – Ho voluto dimostrare ai miei figli che potevano contare su di me, sulla forza incredibile che ho dentro. Il mio lutto è cominciato quando la malattia di mio marito ha preso il sopravvento. Sono diventata interamente responsabile della sua vita, anche nei momenti più intimi”.

La cantante sarà nei prossimi mesi in giro per il mondo, in concerto ad Anversa dal 20 giugno per 2 show, a Bercy dal 24 giugno per 9 date, a Montréal dal 31 luglio per 10 rappresentazioni, a Québec dal 20 agosto per 5 live.

Loading...
Potrebbero interessarti

Barbara D’Urso, grazie ai fan e loro guardano la scollatura

Sappiamo bene che la “Barbarella” nazionale è sempre molto attiva, non solo…

Marc Marquez e quell’ironia degli “sportivi”

Sappiamo bene com’è finita ieri e come non doveva finire, o quantomeno…