Cessalto, 60enne soffoca la madre con un cuscino

Una storia terribile quella che arriva da Cessalto, in provincia di Treviso: tra i tanti crimini che si possono compiere, il matricidio è forse quello più inspiegabile, innaturale, inumano.

Francesco Sgroi, operaio di 60 anni, è sempre stato un uomo tranquillo, sposato e incensurato, ed invece ora dovrà rispondere di omicidio volontario, della propria madre, la 90enne, Amelia Zina Castagnotto, trucidata domenica sera a Cessalto.

Sconosciute al momento le cause del delitto su cui indagano i carabinieri: l’uomo si sarebbe recato dalla madre che aveva bisogno di assistenza e non si capisce cosa abbia potuto scatenare la bieca furia omicida di un uomo apparentemente mite.

L’uomo, nelle ore successive all’omicidio, era stato notato vagare in stato confusionale per la strada. Pare che ai figli abbia detto qualcosa, pur se in maniera non chiara, facendo capire cos’era successo nella casa della mamma.

L’autopsia dovrà confermare l’ipotesi iniziale di morte per asfissia: sembra infatti che il 60 enne abbia tolto la vita alla propria madre soffocandola con un cuscino.

Loading...
Potrebbero interessarti

Per Salvatore Parolisi riduzione di pena e nuovo processo

Secondo la Corte di Cassazione è da rivedere al ribasso la condanna…

Antonio Micari, medico di Messina premiato in America

Il 19 settembre un medico di messina, Antonio Micari ha ricevuto un…