Costa Concordia,16 anni a Schettino. Non va in prigione

Il capitano Francesco Schettino è stato condannato  dal Tribunale di Grosseto a sedici anni di reclusione e a un mese di arresto per il naufragio della Costa Concordia.

L’uomo nativo di Meta di Sorrento, inoltre, è stato interdetto per cinque anni come comandante di nave. Per Schettino è stata confermata anche l’interdizione perpetua dai pubblici uffici.

I giudici del Tribunale di Grosseto hanno poi ritenuto non sussistente il pericolo di fuga dell’ex comandante della Costa Concordia, condannato, per tutti i reati per cui è stato imputato, a sedici anni e a un mese di arresto per il naufragio all’isola del Giglio. “E’ una sentenza dura – ha affermato il  difensore , di Francesco Schettino, Domenico Pepe annunciando appello – ma forse restituisce un po’ di onore a Schettino”.

 

Francesco Schettino e  la compagnia di navigazione Crosta crociere sono stati condannati in solido a risarcire le parti civili, tra cui la Presidenza del Consiglio, alcuni ministeri, la Protezione civile, la Regione Toscana e il comune di Isola del Giglio.

 

Loading...
Potrebbero interessarti

L’Italia non approfitta del diritto all’oblio

Giusto un anno fa ci fu una sentenza che da più parti…

Majorana era vivo tra il 55 e il 59. Forse nell’ 81 a Roma

Per anni la scomparsa del fisico catanese Ettore Majorana è stata avvolta…