Cybercrime, ecco quanto danneggia le imprese italiane

Se già questo non è un periodo particolarmente florido e positivo per l’industria italica nel suo complesso, oltre alla persistente congiuntura economica negativa per le imprese italiane il carico da novanta è stato messo dal cybercrime, cioè i famigerati attacchi informatici da cui è sempre più difficile e oneroso difendersi.

Secondo i dato dello studio Accenture “Cost of Cyber Crime Study”, pubblicato in occasione dell’apertura di CyberTech Europe 2017, ad oggi, i cyber-attacchi stanno costando a ogni azienda nel mondo una media di 11,7 milioni di dollari all’anno.

Il primato per i danni più onerosi spetta agli Usa (21,22 milioni di dollari), mentre in Italia il costo del cybercrime è di 6,73 milioni di dollari.

A crescere è anche la quantità di tempo necessaria a risolvere le criticità: per rimediare ad attacchi che coinvolgono gli “insider” malevoli ci vogliono in media 50 giorni, mentre i ransomware ne richiedono in media 23. A comportare i maggiori costi sono, secondo lo studio, i malware e gli attacchi web, per i quali le aziende spendono in media rispettivamente 2,4 e 2 milioni di dollari.

I ricercatori hanno inoltre esaminato le quattro principali conseguenze di un attacco informatico: disturbi dell’attività, perdita di informazioni, perdita di ricavi e danni all’apparecchiatura.

Oggi, l’effetto più dannoso che si riscontra è la perdita di informazioni, menzionata dal 43% delle organizzazioni prese in considerazione dallo studio.

In sostanza si tratta ormai di un fenomeno che sta diventando sempre più “‘industrializzato’ con organizzazioni ben strutturate e orientate al profitto”.

In media ogni impresa subisce 130 violazioni all’anno. Le società dei settori dei servizi finanziari e dell’energia sono le più colpite, con un costo medio annuo rispettivamente pari a 18,28 e 17,20 milioni di dollari.

Eppure, le nuove tecnologie di sicurezza permetterebbero di prevedere gli attacchi e limitare i costi, ma sembra che le imprese investano in modo sbilanciato nelle varie tecnologie di security, concentrandosi spesso sulla pura compliance e tralasciando le soluzioni più innovative.

Next Post

Ermafrodita a 55 anni scopre di essere incinto

Naturalmente non si tratta assolutamente di una fake news, una di quelle notizie false pubblicata appositamente per fare “audience”, piuttosto di un episodio alquanto singolare che ha destato l’interesse dell’opinione pubblica, non è una di quelle storie inventate di sana pianta, una di quelle bufale che impazzano sui social e […]