Dal Giappone la carta igienica per smartphone

Eleonora Gitto

Su uno smartphone si annidano più batteri che sul water perciò in Giappone nei bagni spuntano rotolini di carta igienica per pulire il telefono.

I giapponesi, al contrario dei cinesi, hanno una vera fissa per l’igiene e la toilette.

Chi ha avuto il piacer di servirsi di un WC nel Paese del Sol Levante ha potuto costatare la grande differenza che c’è con quelli europei e di quanto siamo indietro in fatto di tecnologia da bagno.

Ma oggi c’è un motivo in più per ammirare la passione per l’igiene di questo Paese: la carta igienica per smartphone.

Nei bagni dell’Aeroporto Internazionale di Narita, nei pressi di Tokyo, infatti, sono spuntati i primi rotolini di una mini carta igienica molto speciale.

Si tratta di un’iniziativa di marketing di un operatore telefonico: NTT Docomo.

Vicino ai rotoli standard di normale carta igienica, sono stati installati questi mini rotoli sui quali in lingua inglese si trovano scritte le istruzioni per l’uso, l’invito ai turisti a pulire spesso il dispaly dello smartphone e anche indicazioni per accedere al Wi-Fi in aeroporto.

Si tratta di una trovata pubblicitaria stravagante? Forse. Però a sentire i pubblicitari che hanno ideato la campagna pubblicitaria, sono tanti gli studi scientifici che hanno dimostrato che sugli smartphone vi dimora l’80% dei più comuni batteri umani.

In poche parole: sono più sporchi dell’asse del WC. E quale miglior posto del bagno per pulirli?

Tra l’altro, chi potrebbe negare che anche nei momenti più intimi non facciamo a meno del cellulare? Quanti potrebbero dire che seduti sul water del bagno, non chattano, non leggono o non giocano?

Next Post

Uomini e Donne querela per diffamazione Lucas Peracchi

Probabilmente, per guadagnarsi qualche copertina, dato che la sua partecipazione al programma gli ha portato molta meno fortuna di altri colleghi, Lucas Peracchi nei giorni scorsi si è lasciato andare a delle dichiarazioni pesanti contro la redazione di Uomini e Donne, ed ora dovrà risponderne, a quanto pare addirittura in […]