Dalla Bolivia arriva Fra Bigoton, il cane che si è fatto monaco

Eleonora Gitto

Dalla Bolivia arriva Fra Bigoton, il cane che si è fatto monaco.

Chi l’ha detto che un cane non può farsi frate? Forse non è possibile in Italia, ma certamente in Sudamerica sì, e in Bolivia in particolare, dalla quale arriva una storia curiosa e anche un po’ commovente.

Al Monastero di San Francesco a Cochabamba, infatti, è stato trovato un simpatico cagnolino randagio che i monaci hanno deciso di adottare.

I frati hanno deciso di partecipare a pieno titolo a un progetto che si chiama Proyecto Narices Frias, portato avanti da un’associazione che tutela gli animali abbandonati.

In poco tempo, il cagnolino si è fatto voler bene da tutti, e allora la comunità religiosa ha deciso di renderlo completamente compatibile con i propri usi, compresa la vestizione.

E così Fra Bigoton, che vuol dire Frate Baffone, ora è parte integrante della comunità religiosa.

Frate Jorge Fernandez racconta: “Gli vogliamo tutti molto bene, passa la sua giornata a giocare e correre. Qui tutti i fratelli lo amano moltissimo.

Lui è una creatura di Dio. Se ogni Chiesa del nostro Paese adottasse un animale, siamo sicuri che lo farebbero anche i cittadini, seguiranno il loro esempio”.

Next Post

Amatrice, Vigile del Fuoco folgorato dall'alta tensione

Ad Amatrice un Vigile del Fuoco è rimasto folgorato dall’alta tensione. I guai non finiscono mai in quella zona dell’Italia centrale martoriata dal terremoto. A rimanere folgorato in uno dei tanti interventi conseguenti al sisma, è stato un Vigile del Fuoco di 35 anni, nella frazione di Castel Trione, a […]
Amatrice, Vigile del Fuoco folgorato dall'alta tensione