Discovery porta in scena i grandi, da Saviano a Crozza

Ci ha messo un po’ di più rispetto ai suoi diretti avversari a svelare la programmazione per il prossimo anno, ma non ha certo deluso le aspettative: Discovery ha appena annunciato la sua programmazione 2017-2018, e sono tanti i grandi nomi che promettono scintille.

Del resto Discovery Network è ormai una realtà che in Italia ha 7 canali free (Nove, Real Time, DMax, Giallo, Focus, K2 e Frisbee) e 7 canali pay (Discovery Channel, Discovery Science, Discovery Travel&Living, Animal Planet in esclusiva su Sky; ID – Investigation Discovery in esclusiva su Mediaset Premium; Eurosport e Eurosport 2 su Sky e Mediaset Premium), che sta dando filo da torcere persino a Rai e Mediaset.

La sua media company è arrivata al 7,2% di share sul totale giorno, in crescita del 6% rispetto all’anno precedente e del +15% in prime time che pone l’editore Usa come terzo editore televisivo nazionale.

Per la nuova stagione, obiettivi chiari: diversificazione dei target, aumento del peso specifico verso l’universo generalista, entertainment, sport, ma anche approfondimento.

Canale Nove punta a titoli già consolidati che ne rendono più chiara la direzione. Nell’access prime time è confermato il game show Boom! con Max Giusti. La seconda stagione del talent culinario Top Chef Italia è in onda da stasera ogni giovedì in prime time.

Annunciato il ritorno di Fabio Volo, che nella scorsa stagione era stato protagonista di Untraditional. E poi la ripartenza, il 22 settembre, di Fratelli di Crozza, con nuove parodie, tra cui quella del ministro Minniti.

La figura particolarmente identitaria di Chef Cannavacciuolo ritorna con Cucine da Incubo, ‘O mare mio e con Ci pensa Antonino, un racconto sul privato del grande cuoco in formato quasi da sit-com.

Sono poi previste numerose serate-evento: una di Christian De Sica e Alessandro Siani sul film Il Principe Abusivo, un’altra della strana coppia Gianni Morandi – Fabio Rovazzi che descriveranno il loro rapporto inedito che ha portato al successo del tormentone Volare, e un’altra ancora dello chef Carlo Cracco che aprirà al pubblico televisivo le porte del suo ristorante in Galleria a Milano.

Mercoledì 4 ottobre debutterà in Italia, in prima tv assoluta su Nove per poi arrivare in America Latina, Spagna, Portogallo, Francia e Germania, grazie alla fama di un autore conosciuto in tutto il mondo: Roberto Saviano.

Kings of Crime vedrà protagonisti la Camorra, ‘ndrangheta, e i cartelli della droga messicana visti attraverso le vite di alcuni dei boss più importanti.

Storie cupe e feroci, agganciate alla cronaca, arricchite di prove e documenti originali. Un fluire delle storie che si svolgono su più piani narrativi, dal monologo alle fonti di archivio, a materiali ancora inediti con l’obiettivo di analizzare e comprendere i fenomeni criminali.

“Sono contento che Discovery abbia deciso di fare questa follia – ha spiegato Saviano – e di non avere paura di raccontare queste storie. Alla fine lo spettatore capirà questo non è un fenomeno solo locale, ma mondiale e che in Italia stiamo dimenticando distratti da altri temi. Le mafie ammazzano tutti i giorni in Calabria ma questo non importa a nessuno”.

Next Post

Milena Gabanelli si rifiuta di dirigere RaiNews

Nelle scorse ore vi abbiamo raccontato dell’ultimo cda della Rai, durante il quale era stata confermata la nuova stagione di “Porta a Porta”, ma anche una decurtazione dello stipendio del 30 % per lo storico conduttore, Bruno Vespa. Ma nello stesso cda era stata presa anche un’altra decisione: Milena Gabanelli, […]