Donadoni chiede giorni di silenzio

Redazione

Dopo la sconfitta con il Chievo, l’allenatore del Parma Roberto Donadoni analizzando la partita ne approfitta per chiedere qualche giorno di silenzio sulle vicende societarie.

Una sconfitta che brucia per i giocatori del Parma come brucia ciò che sta accadendo in queste ultime settimane ai vertici della società.

“La nuova proprietà – ha detto  Roberto Donadoni- che farà delle cose, quindi non capisco perché non si riesca a stare zitti tre o quattro giorni”.

L’ex allenatore della nazionale di calcio invita ad abbassare i toni e a consegnarsi per qualche giorno al silenzio.

“Se le cose non andranno come hanno detto – continua Donadoni – si potrà parlare, ma ora no. Da parte mia c’è voglia di non rinunciare e non si tratta di soldi”.

Nella serata di venerdì  gli emissari della Dastraso Holding Limited, la società con sede a Cipro, vicina a Rezart Taci, hanno girato il pacchetto di maggioranza delle azioni del club Fiorenzo Alborghetti il nuovo nome del Parma calcio.

Next Post

La lotta al cancro inizia a tavola.

La frutta e  la verdura aiutano a prevenire i tumori . A sostenerlo sono i medici e i ricercatori, impegnati in questi giorni a sostenere una corretta alimentazione. La lotta ai tumori inizia dunque a tavola grazie a quello che con il cibo si introduce nell’organismo. Una sana alimentazione, infatti, […]