E’ lo stress la prima causa del diabete urbano

La vita diviene sempre più frenetici, per adulti e bambini, e si sa che ritmi serrati e stress non portano certo vantaggi per la salute.

Tra le tante patologie che lo stress può causare vi è ora anche annoverato il cosiddetto diabete “urbano”:  il diabete infatti è in aumento nelle grandi città, ma non solo per questioni alimentari. La causa è da ricercare anche nelle abitudini di vita sbagliate e nelle loro conseguenze come appunto lo stress e il pendolarismo.

È quanto emerge da uno studio internazionale guidato dall’University College London di Londra (Regno Unito), presentato durante il “Cities Changing Diabetes Summit 2015”, che si è svolto tra il 16 e il 17 novembre a Copenaghen (Danimarca).

L’indagine ha dimostrato che i cittadini sono maggiormente vulnerabili allo sviluppo del diabete di tipo 2 a causa di un complesso mix di fattori sociali e culturali. L’affaticamento causato dalla necessità di muoversi velocemente e di affrontare lunghi spostamenti per andare a lavoro aumenterebbe, infatti, il rischio di incorrere nella malattia. Inoltre, lo stile di vita frenetico renderebbe più difficile diagnosticare in breve tempo il diabete. Di conseguenza, i malati finirebbero spesso per trascurare il disturbo, peggiorando ulteriormente il loro stato di salute.

Ci si augura quindi che questa nuova comprensione dei fattori di rischio socio-culturali guiderà lo sviluppo di politiche di sanità pubblica sempre più efficienti e mirate per sostenere la salute e il benessere dei cittadini.

Next Post

Verona, maxi furto di opere di Tintoretto e Rubens

Un vero e proprio sfregio alla cultura, oltre che un ingente perdita economica, quello rappresentato dal maxi furto messo a segno al museo civico di Castelvecchio di Verona. Una quindicina di quadri di grande valore sono stati rubati: gli autori sarebbero tre ladri-rapinatori che si sono presentati al museo incappucciati […]