Enrico Ruggeri, le sue giacche nascondono una storia di solidarietà

Come ogni anno il Festival di Sanremo è una kermesse contrassegnata dalle polemiche, oltre che dalla buona musica, ma quest’anno sembra vincere su tutto la solidarietà e il riconoscimento dei diritti di tutti.

Alcuni ospiti eccezionali hanno dimostrato come la “diversità” può dare quel qualcosa in più, e molti artisti hanno deciso di legare al microfono dei nastrini arcobaleno a sostegno dei diritti LGBT.

Tra questi artisti ha spiccato Enrico Ruggeri, che però ha anche un’altra storia da raccontare, sempre di solidarietà, legata alle giacche che indossa sempre sul palco dell’Ariston.

Sul palco di Sanremo 2016 Enrico Ruggeri non ha portato solo la sua canzone “Il primo amore non si scorda mai”, ma anche la storia del suo amico stilista Hicham Ben’Mbarek. Una storia iniziata nel 1990, dal Marocco, con l’arrivo nel nostro paese  su un barcone, una storia che passa per un «bivio» televisivo e arriva fino all’Ariston, grazie a un trapianto di cuore italiano, che ha permesso all’apirante stilista Hicham Ben’Mbarek di realizzare il suo sogno e fondare un marchio di abbigliamento interamente made in Italy, a Firenze.

Ruggeri, super ospite italiano a Sanremo 2015,ha  raccontato ai giornalisti della sala stampa la sua esperienza alla kermesse canora e il suo percorso artistico e ha inoltre annunciato l’uscita, prevista proprio in queste ore, del suo 32 esimo album.

Next Post

Anche Donatella Versace ha apprezzato l’imitazione della Raffaele

Virginia Raffaele non sbaglia un colpo e, dopo le prime due imitazioni riuscitissime, porta in scena sul palco dell’Ariston Donatella Versace: quasi più realistica dell’originale che continua a cambiar volto grazie alle sapienti mani dei chirurghi plastici, fa una satira pungente non solo della stilista ma della società di cui […]