Facebook, parroco minaccia i parrocchiani che difendono i diritti LGBT

Nelle ultime ore non è difficile vedere foto del profilo, sul social network Facebook, colorate di decine di colori dell’arcobaleno: per chi non lo sapesse è un simbolo distintivo per urlare al mondo la propria adesione al movimento dirompente che nel mondo sta combattendo per il riconoscimento universale dei diritti LGBT.

Negli Stati Uniti sono state appena legalizzate le nozze gay e, proprio per questo, il social network più popolare del mondo ha deciso di lanciare l’applicazione ‘Celebratepride’, che appunto consente a tutti gli utenti di colorare d’arcobaleno la propria foto profilo.

Che queste idee possono essere condivise o meno è una questione prettamente personale, ma di certo non è bello quello che un parroco ha fatto di risposta, arrivando persino a minacciare i suoi fedeli se si fossero schierati a favore delle nozze gay.

Don Emiliano De Mitri – 33enne originario di Poggiardo – vice parroco di Spongano (Lecce), così ha scritto su Facebook, urlando il suo disappunto: «Ora basta! Tutti quei parrocchiani che ‘coloreranno’ le foto arcobaleno a sostegno delle organizzazioni LGBT non sapendo nemmeno cosa sono e quali sono le teorie gender non avranno da me: 1) certificato – nulla osta per fare padrini-madrine 2) non avranno incarichi come educatore-catechista o responsabile di associazioni ecclesiali con finalità educativa. Perché in netto contrasto con il Santo Vangelo. Qualsiasi replica a questo post verrà cancellata».

La sua posizione sul matrimonio omosessuale è dura e questo ha scatenato non poche polemiche, anche se il sacerdote non è neppure nuovo ad uscite del genere. Appena è divampata la polemica, il profilo del parroco è stato immediatamente disattivato.

Loading...
Potrebbero interessarti

Base aliena sulla terza luna di Saturno, c’è una foto

Su una delle lune di Saturno, Iapetus, alcuni ricercatori avrebbero trovato un…

Milano, tutelare il verde intitolando alberi ai defunti

Che Milano sia una grande città, frenetica e ricca di palazzi ed…