Felipe Massa guida una Jaguar C-X75 nel prossimo film di James Bond

Tra una manciata di giorni Spectre, il 24° film di James Bond, arriverà nelle sale italiane: di certo sarà un grande successo di pubblico, come lo è stato per la critica, ma nell’attesa i fans potranno deliziarsi con succose indiscrezioni e fotogrammi che già fanno sognare.

James Bond è in missione segreta a Città del Messico dove sventa un atto terroristico importante senza però passare inosservato e attirando su di se non pochi occhi, nonché la sfuriata di Gareth Mollory (Ralph Fiennes), il nuovo M, che non può far altro che licenziare Bond dal suo ruolo di 007.

Se per la quarta volta il ruolo del protagonista è andato a Daniel Craig, nelle scene girate in Messico, come antagonista è stato scelto nientemeno che Felipe Massa, che ha interpretato Hinx come Dave Bautista nel film.

Felipe ha guidato la Jaguar C-X75, la più avanzata Jaguar mai creata, in pista. Le C-X75s costruite negli stabilimenti Wlliams sono state 7. Due erano complete con tanto di motore ibrido, le altre erano in realtà 5 stunt cars costruite con un livello di robustezza superiore per resistere alle sollecitazioni previste dalle scene e dotate invece di un motore Jaguar supercharged V8. La Supercar del cattivo è stata progettata dal Jaguar Land Rover Special Vehicle Operations (SVO) in collaborazione con Williams Advanced Engineering.

Felipe Massa ha voluto commentare l’esperienza: “É stato emozionante guidare la vera auto del film di James Bond sul set di SPECTRE a Città del Messico. Jaguar ha collaborato con la Williams Advanced Engineering nella produzione di questa supercar mozzafiato ed è stato fantastico provare ciò che i miei colleghi sono riusciti a sviluppare al di fuori della Formula 1”.

Next Post

Londra, quattro ore nuda sul tetto per una performance artistica

Di certo si è lontani anni luce dal concetto classico di arte, quello classico o romantico che hanno imperato in Italia e nel mondo qualche secolo fa, eppure chi decide cosa è arte e cosa non lo è? Ma soprattutto chi decide dove finisce l’arte e inizia la mera provocazione […]