Ferrovie dello Stato: consiglio di amministrazione si dimette, vertici azzerati
Ferrovie dello Stato consiglio di amministrazione si dimette

E’ giunta oggi la notizia che l’intero consiglio di amministrazione delle Ferrovie dello Stato ha chiesto le dimissioni: tutto il corpo amministrativo ha annunciato di volersi sciogliere quest’oggi durante la riunione del board dell’azienda, con un conseguente azzeramento dei vertici; in primo luogo hanno deciso di abbandonare le Fs il presidente Marcello Messori e l’amministratore delegato Michele Mario Elia;

una decisione presa in vista dell’obiettivo di entrare in borsa per la seconda metà del 2016; Il Dpcm ha a tale scopo approvato una valorizzazione di una fetta del 40% della società. Tra i favoriti alla guida delle Ferrovie di Stato c’è l’attuale amministratore delegato di Bus Italia Renato Mattoncini, che al momento gestisce la compagnia del trasporto pubblico su ruote.

A seguito delle dimissioni del Cda il Governo ha espresso tutto l’apprezzamento e la gratitudine nei confronti degli ex leader delle Fs: “A tutti gli amministratori, e in particolare a Marcello Messori e a Michele Elia nei rispettivi ruoli di presidente e amministratore delegato, va la gratitudine del Governo per il lavoro svolto. Provvederemo rapidamente alla nomina del management chiamato a condurre la società nel processo di valorizzazione avviato formalmente con il Dpcm varato questa settimana dal Governo”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Lavoro, le donne sono penalizzate dai figli

Le donne in cerca di lavoro sono penalizzate dai figli, dalla loro…

Pensioni, a rischio fondi per esodati e opzione Donna

Il premier Matteo Renzi, elle sue ultime dichiarazioni pubbliche,  ha precisato che…