Finanza ha acquisito la documentazione sui rimborsi spese di Ignazio Marino

Ignazio Marino ha ufficialmente presentato le sue dimissioni da sindaco di Roma lo scorso, ed anche se avrà i prossimi 20 giorni per ripensarci, le acque sono talmente agitate che ormai tutti, lui in primis, escludono una possibilità del genere.

E la situazione è resa ancora peggiore dall’indagine avviata dalla Guardia di Finanze sulle spese sostenute dal sindaco capitolino usando la carta di credito datagli dal Campidoglio, a detta dei suoi detrattori utilizzata per spese assolutamente private, che esulano dalle funzioni pubbliche.

Nei giorni scorsi i pm della Procura di Roma avevano dato incarico al nucleo di polizia giudiziaria della Guardia di Finanza di acquisire tutta la documentazione concernente l’utilizzo della carta di credito assegnata a Marino dall’amministrazione comunale, con relativa movimentazione bancaria, e ieri mattina i militari del Nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Roma in Campidoglio per acquisire la documentazione sui rimborsi spese dell’ormai ex sindaco.

Nei prossimi giorni, vagliate le carte le indagini proseguiranno con la convocazione dei testimoni. Il fascicolo è stato aperto a seguito degli esposti presentati la scorsa settimana dal Movimento 5 Stelle e Fratelli d’Italia.

Loading...
Potrebbero interessarti

Omofobia, polemiche per la locandina

È stata presentata ieri mattina, 12 maggio, all’interno del Consiglio regionale piemontese…

Velletri, scongiurata tragedia con una bomba scovata da un cagnolino

Tanta paura nelle scorse ore a Velletri, dove poteva verificarsi una tragedia,…