Fipronil: arrivano le decisioni della UE. Richiamati lotti di uova nelle Marche
Fipronil: arrivano le decisioni della UE. Richiamati lotti di uova nelle Marche

Arrivano le decisioni della UE sul Fipronil, mentre nelle Marche sono stati richiamati alcuni lotti di uova contaminate.

Importante riunione oggi a Bruxelles del cosiddetto Comitato Paff, per la precisione la sezione che tratta la sicurezza tossicologica.

L’assise è stata convocata per discutere le misure da prendere in ordine alla ben nota questione del famigerato insetticida Fipronil, che ha contaminato molte partite di uova in tutta Europa.

Riguardo a ciò, una nota del Ministero della Salute italiano riferisce: “Sono state assunte decisioni miranti a garantire una maggiore omogeneità nell’approccio al problema e nelle iniziative assunte dagli Stati membri. In particolare sono stati precisati i termini per la notifica delle allerte nel sistema europeo e il conseguente avvio delle procedure di ritiro e richiamo, le modalità di gestione degli animali e delle uova negli allevamenti interessati dalla contaminazione, sono stati stabiliti i fattori di concentrazione da applicare per la valutazione di conformità degli ovo-prodotti”.

“Il Ministero della Salute italiano ha attivamente partecipato alla discussione descrivendo le iniziative già assunte, esprimendo la propria posizione favorevole alla più ampia armonizzazione dell’approccio alla crisi e assicurando la piena disponibilità a proseguire nell’attività, in collaborazione con le altre strutture del sistema di sicurezza alimentare nazionale e comunitario, anche sulla base di quanto deciso oggi”.

Intanto nella Regione Marche hanno deciso di ritirare dei lotti di uova provenienti dall’allevamento Società Agricola Fattorie Valle del Misa, di Ostra Vetere. I lotti sono precisamente i numeri 31-32-33-34 del 2017. Il codice allevamento, indicato sulle uova, è il 3IT036AN089.

In un campione di queste uova è stato trovato un valore di Fipronil pari a 0.89 mg/Kg, vale a dire maggiore del limite di tossicità acuta di 0,72 mg/Kg.

Il Ministero precisa ulteriormente in proposito: “Nelle zone in cui uova provenienti da tali lotti siano in possesso dei cittadini, si invitano gli stessi a non consumarli e a riportarli ai punti di vendita”.

Al momento non si registra una situazione quindi di vero e proprio allarme, ma certamente è stato alzato il livello di attenzione: questo vuol dire occuparsi in maniera più specifica del problema, operando, dove necessario, le dovute azioni di ritiro dei prodotti.

È bene comunque ricordare che l’insetticida Fipronil, utilizzato normalmente contro le zecche e altri insetti, non è particolarmente tossico se non assunto in quantità rilevanti.

Ciò nonostante la UE ha chiesto agli Stati membri di monitorare il settore delle ovaiole in allevamento, le uova e le carni di ovaiole.

Loading...
Potrebbero interessarti

Pollo, c’è differenza tra quello bianco e giallo?

Soprattutto per chi in questo periodo è a dieta, il pollo è…

Malattie cardiache, si potranno diagnosticare con un selfie

Gli ospedali potrebbero diagnosticare le malattie cardiache usando solo un selfie del…